Cosa succede a chi beve troppi caffè? Incredibile, ecco la verità

Il caffè in Italia è un vero e proprio must. Ecco perchè sono davvero poche le persone rinunciano che rinunciano al piacere di un espresso. Il caffè non è solo una bevanda, ma è uno stile di vita, un rituale, una tradizione. Chiamatelo come volete, ma come si fa a non bere una tazzina di caffè appena svegli, dopo pranzo o nelle pause studio-lavoro quando si è talmente stanchi che solo un po’ di caffè può darci la carica giusta per continuare i nostri affari e non avere quella sensazione costante di sonnolenza.

Tuttavia, anche il caffè può avere delle controindicazioni. Infatti, non tutti possono berlo e soprattutto non bisognerebbe mai esagerare con le quantità. In questo articolo cercheremo di capire cosa succede a chi beve troppi caffè.

Proprietà nutrizionali del caffè

Il caffè è una bevanda molto amata in quasi tutto il mondo nel mondo ci sono diversi modi di fare il caffè, basti pensare al caffè ristretto italiano, il cosiddetto espresso, e al caffè molto lungo americano.

Dal punto di vista delle proprietà nutrizionali il caffè è una bevanda contenente caffeina una sostanza che accelera il metabolismo, combatte la sonnolenza e ci permette di sentirci pieni di energie. Tuttavia, proprio la caffeina, nei soggetti predisposti, causa alcuni effetti spiacevoli come tachicardia, gastrite, sudorazione alle mani e ai piedi, insonnia, irritabilità e ansia. Tutti questi effetti collaterali rendono il caffè una bevanda magari buona ma assolutamente da evitare. Per ovviare a questi problemi, però, è possibile consumare caffè decaffeinato.

Ripetiamo che questi effetti collaterali riguardano solo una parte della popolazione, predisposta a soffrire di disturbi d’ansia e disturbi intestinali. Per il resto della popolazione bere caffè non comporta nessuna problematica, purché venga fatto con moderazione.

 

Il caffè: quando è troppo?

Il caffè diventa decisamente troppo quando superiamo le cinque tazzine al giorno, in tal caso c’è qualcosa che non va e potremmo addirittura essere dipendenti dalla caffeina.

Cosa succede se si bevono troppi caffè?

Chi esagera smodatamente con il caffè va incontro a una serie di rischi per la salute.

Innanzitutto, come dicevamo, si può essere vittime di una dipendenza psicologica caratterizzata da stati di ansia, nervosismo, mal di testa e stanchezza.

Inoltre, chi beve troppi caffè sollecita eccessivamente il proprio apparato cardiocircolatorio. Infatti, la caffeina assunta in alte dosi fa innalzare la pressione sanguigna e fa aumentare la frequenza cardiaca, che può degenerare in fibrillazione atriale  con la conseguenza di affaticare troppo il cuore.

Inoltre, chi beve troppi caffè fatica a prendere sonno la sera e, di conseguenza, si sveglierà stanco e sonnolente la mattina seguente e per combattere la sonnolenza e la stanchezza quasi sicuramente deciderà di bere un altro caffè. Il consumo smodato di caffeina induce infatti l’insonnia ed erroneamente, per contrastarla, si entra invece in un circolo vizioso di infinite bevute di caffè.

Bere troppi caffè crea inoltre problemi all’apparato gastrointestinale. Troppa caffeina stimola il rilascio della gastrina, un ormone prodotto dallo stomaco che accelera l’attività del colon, creando il rischio di soffrire di diarrea. Il caffè peggiora poi il reflusso gastroesofageo, la gastrite e l’ulcera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *