Xiaomi Browser: scandalo privacy sul Browser stock della casa cinese.

Un altro scandalo riguardante il problema della privacy è emerso nel mondo degli smartphone. Stavolta riguarda il mondo Android e nello specifico Xiaomi. L’accusa, abbastanza pesante, è arrivata da diversi ricercatori di cybersecurity interpellati da Forbes.

Secondo le indiscrezioni Xiaomi raccoglierebbe dati personali dei suoi utenti attraverso il suo browser, cioè il browser stock della MIUI, del Mi browser Pro e del Mint browser disponibili sul play store.
Secondo la ricerca Xiaomi raccoglierebbe dei dati sensibili alla navigazione come la cronologia, query di ricerca, URL e addirittura dati relativi alla navigazione in incognito.

Il problema è emerso su diversi smartphone Xiaomi: il Redmi Note 8, Mi A1, Mi 10, Redmi K20 e Mi mix 3, mentre non hanno riscontrato problemi altri dispositivi conversione aggiornata della MIUI e quelli basati su piattaforma Android One.
Ulteriori risvolti pratici di questa violazione è riconosciuta tra i clienti di sensor data, un’azienda cinese che si occupa di profilazione dei dati utente, nei broswer di Xiaomi sono stati riscontrati delle API denominate SensorDataApi ed è stato rivelato che questi broswer effettuano il ping verso i domini di sensor analytics collegata a sensor data.

Ma qual è stata la risposta di Xiaomi?
L’azienda cinese ha confermato di raccogliere i dati ma nega di aver violato la privacy. Xiaomi afferma di raccogliere dati in maniera del tutto anonima è di crittografarli. I ricercatori concordato sul fatto che i dati siano crittografati ma il metodo risulta molto semplice e raggirabile.

Xiaomi tracks private browser and phone usage, defends behavior

Per quanto riguarda il legame con sensor data, Xiaomi ammettere di essere i suo cliente, ma nega di aver ceduto i dati dei suoi clienti.
Ovviamente staremo a vedere come Xiaomi chiarirà ulteriori dubbi e quali provvedimenti prenderà in merito alla gestione e alla protezione dei dati personali, che al momento risultano facilmente codificabili tramite dei semplici passaggi.

Come sempre vi terremo aggiornati sulla questione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *