“Mangiare integrale fa male ai reni!”: ecco cosa dice l’esperto

Molte persone hanno come obbiettivo di vita quello di mantenersi in forma e la cosa fondamentale per poterci riuscire è fare attenzione all’alimentazione. Un’alimentazione non sana e non equilibrata a lungo andare può determinare degli effetti negativi sul nostro organismo. Tuttavia, pensare di rimanere in forma consumando solo alimenti integrali è un errore che si fa molto spesso. Mangiare integrale ha sicuramente tanti benefici per il nostro organismo, ma ciò non significa che farà sempre bene.  L’errore di fondo è pensare che basti sostituire il cibo integrale a quello raffinato per dimagrire magicamente. Tuttavia se analizziamo l’indice glicemico, del riso scopriamo che quello integrale è 59 e quello bianco di 64, però entrambi apportano circa 330-340 Kcal per 100 grammi, dunque la risposta glicemica ed insulinica saranno pressoché uguali dato che differiscono di poco. Quindi non sempre i prodotti integrali sono meno calorici e più salutari, il tutto dipende anche dallo stile di vita, dal movimento che si svolge durante la giornata e da tanti altri fattori.

Alimenti integrali

I cibi classificati come integrali sono tutti i prodotti che non hanno subito raffinazione, in modo da preservare la maggior parte delle loro proprietà nutrizionali.

Gli alimenti integrali contengono tutti gli elementi del chicco, sia la crusca, che il germe che l’endosperma.

  • La crusca è l’involucro esterno del chicco. Fornisce proteine, vitamine, minerali e fibre.
  • Il germe si trova all’interno del chicco. E’ ricco di vitamine e grassi insaturi.
  • L’endosperma è la riserva di nutrienti ed energia. E’ costituito da amidi e da proteine.

Invece quando si effettua la  raffinazione la crusca e il germe vengono eliminati, è viene conservato solo l’endosperma. Ed è proprio per questo motivo che gli alimenti preparati con la farina raffinata sono più calorici.

Ecco i cibi che possono essere classificati come integrali

Sono integrali tutti quegli alimenti che non subiscono un processo di raffinazione e che hanno un alto contenuto di fibre come:

  • cereali (amaranto, avena, bulghur, farro, grano, grano saraceno, mais, miglio, orzo, quinoa, riso, segale, sorgo);
  • legumi (ceci, fagioli, fave, lenticchie, piselli, soia);
  • frutta fresca (albicocche, banane, fichi, mele, pere);
  • frutta secca (arachidi, carrube, castagne, fichi, noci, mandorle);
  • verdura (aglio, asparagi, carciofi, carote, cavoli, cicoria, cipolle, melanzane, spinaci, zucca).

I benefici di un’alimentazione  integrale

1 Migliorano le difese immunitarie;

2 proteggono le cellule dall’azione dei radicali liberi;

3 prevengono il diabete di tipo 2;

4 regolano la pressione del sangue;

5 ottimi contro il colesterolo;

6 prevengono eventuali disturbi cardiaci;

7 favoriscono il senso di sazietà e contrastano l’accumulo dei grassi;

8 favoriscono la motilità intestinale e il corretto funzionamento dell’intestino, prevenendo la stipsi e la diarrea;

9 prevengono forme tumorali del tratto gastrointestinale;

10 apportano più vitamine, sali minerali, fibre e fitonutrienti rispetto agli alimenti raffinati.

Mangiare integrale fa male ai reni?

La risposta è NO! A quanto pare, mangiare integrale non causa nessuna controindicazione a discapito dei reni. Naturalmente, come per tutti gli altri alimenti, bisogna evitarne l’abuso che ovviamente potrebbe causare risvolti negativi sulla salute, ma se si consumano in modo equilibrato e corretto non ci sono particolari rischi a cui i reni vanno incontro. Quindi il solito consiglio è di non esagerare e seguire un’alimentazione sana e varia.

Ecco chi non dovrebbe mangiare integrale

Gli alimenti integrali tuttavia non sono consigliabili per alcune persone:

  • Per chi soffre di colite acuta e di sindrome dell’intestino irritabile.
  • Per pazienti che presentano delle malattie croniche intestinali.
  • Per coloro che soffrono di diverticolosi.
  • Per chi ha problemi di meteorismo.
  • Per coloro che presentano reflusso gastroesofageo, gastriti e dispepsie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *