Attenzione a mangiare grano saraceno: ecco cosa può accadere

Il grano saraceno è un cereale con tante proprietà nutritive e può essere utilizzato in tanti modi in cucina. Si tratta di un cibo senza glutine ed è quindi ideale per chi ha problemi di celiachia. Naturalmente può essere anche mangiato da chi non ha delle intolleranze alimentari. Ma bisogna fare attenzione a mangiare grano saraceno, poiché assumerlo in quantità eccessive può provocare diversi disturbi al nostro organismo. All’interno di questo articolo analizzeremo questo alimento vedremo cosa può accadere al nostro corpo se ne mangiassimo troppo.

Proprietà benefiche del grano saraceno

Il grano saraceno è composto principalmente da amido e proteine. Le proteine presenti in questo alimento sono formate principalmente da amminoacidi essenziali come la lisina, la treonina e il triptofano ma anche da amminoacidi contenti zolfo. E’ poi privo di glutine mentre è ricco di grassi saturi mono polinsaturi. Infine sono anche pressenti diversi sali minerali, tra cui:

  • Ferro,
  • Fosforo,
  • Rame,
  • Zinco,
  • Selenio

Una certa rilevanza la ha anche il contenuto di vitamine tra le quali risaltano: la vitamina B1, la B2, la niacina e la B5. Il grano saraceno è ricchissimo di antiossidanti e flavonoidi. Tra questi, i più importanti sono la rutina e i tannini. Tali sostanze rendono il grano saraceno un alimento molto salutare, tuttavia, come detto precedentemente, per poterne realmente beneficiare, bisogna consumarlo con moderazione.

Mangiare troppo grano saraceno fa male?

Ebbene si,  il grano saraceno va mangiato con moderazione. E’ consigliabile mangiarlo massimo due o tre volte a settimana. Poiché, essendo un cereale privo di glutine, nel caso in cui non si soffra di celiachia, può dare problemi. Innanzitutto, se mangiato troppo di frequente, può causare allergie e problemi all’apparato digerente, specialmente all’intestino. Si possono anche presentare fastidiosi gonfiori addominali e meteorismo. Se vi piace molto questo alimento, è consigliabile mangiarlo seguendo i consigli degli esperti in materia.

Come mangiare il grano saraceno

Il grano saraceno può essere usato per diverse preparazioni in cucina. Ha un sapore molto particolare, puoi acquistarlo già decorticato e aggiungerlo alle tue insalate. Oltretutto, prima di cuocerlo deve essere lavato accuratamente. Dopo che i chicchi risultano ben asciutti potrai tostarli in padella. L’odore, quando è pronto, è simile alle noccioline. Ricorda sempre che l’acqua calda farà raddoppiare il volume del grano saraceno. I pizzoccheri alla valtellinese sono una ricetta tipica realizzata con il grano saraceno, ma puoi anche decidere di preparare una gustosa torta. Avrà un profumo particolare e farà impazzire anche i bambini. Di seguito vi scriveremo la ricetta tipica della Valtellina, un piatto gustoso e veloce da preparare, gli sciatt: Prepara la pastella con la farina di grano saraceno e la farina 00, aggiungi sale e pepe. Versa la birra e l‘acqua regolandoti fin quando il composto non diventa omogeneo. Affetta il cicorino e versa dell’olio in un tegame. Taglia dei cubetti di formaggio e versali nella pastella poi devono essere fritti, basta circa un minuto. Scolali e lasciali asciugare su della carta assorbente, prepara una veloce insalata aggiungendo il cicorino. Adagia gli sciatt sul letto di cicorino condito solo con dell’olio. Vanno serviti e mangiati caldi, accompagnati da una buona birra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *