Il kefir fa bene? Ecco la verità

Il Kefir è un latte fermentato simile allo yogurt, una bevanda rinfrescante e salutare, ricca di fermenti lattici o probiotici e dal gusto fresco, leggermente acido ma dal sapore piacevole.

Il kefir è stato scoperto tantissimi anni fa nella regione del Caucaso e tutt’oggi è molto usato in Russia. Questa bevanda viene preparata in modo tradizionale utilizzando latte fresco (di pecora, capra o vacca) e i fermenti o granuli di Kefir formati da un polisaccaride chiamato kefiran che ospita colonie di batteri e lieviti.
Il Kefir nel corso del tempo è stato però preparato anche con altri liquidi come il latte di soia o il latte di riso e persino solo con l’acqua zuccherata.

In Italia, il kefir non molto è conosciuta come bevanda anche se, a dire il vero, negli ultimi anni la sua produzione e il suo consumo sono decisamente migliorati.

Cos’è il kefir? Fa realmente bene al nostro organismo?

Il kefir è una bevanda ottenuta dalla fermentazione del latte (si possono usare il latte di mucca, di capra, di asina, di pecora ecc…) è ricca di fermenti lattici e apporta molti benefici in primis alla flora intestinale.

Il kefir è un prodotto che, come abbiamo detto, ha avuto origine nel Caucaso, ma oggi viene prodotto ed utilizzato in tutto il mondo. Dato che non risulta un alimento molto conosciuto, ci si potrebbe chiedere dove è possibile trovarlo. Bene, la risposta è molto semplice, infatti il kefir si trova sia nei supermercati (specie quelli che vendono prodotti biologici) , ma può anche essere facilmente preparato in casa.

Esistono varie tipologie di fermentazione del kefir, a seconda di quella utilizzata, questa bevanda può presentare anidride carbonica, in piccole quantità, e anche alcool.

Il kefir tradizionale è preparato utilizzando il latte fresco, che può essere latte di pecora, latte di capra, o anche di vacca, a cui poi sono aggiunti i fermenti o granuli di kefir.

Il kefir è un prodotto che somiglia molto allo yogurt bianco, ma è meno acidulo e quindi più dolce.
E’ piuttosto denso e cremoso, solitamente il colore è bianco o tendente al giallo paglierino. Non contiene lattosio per cui può essere consumato anche da chi risulta tollerante a questa sostanza. Il kefir è una bevanda ricca di calcio, fondamentale per lo sviluppo e il mantenimento delle ossa, è ricca anche di sali minerali e fermenti lattici.
Consumare il kefir è semplice, dipende un po’ anche dai gusti personali. Lo possiamo consumare in modo semplice cioè bianco al naturale oppure possiamo aggiungere del cacao, della polvere di orzo, del caffè, delle gocce di cioccolato, della frutta secca o fresca e anche dei cereali integrali o del riso soffiato.
Oppure può essere utilizzato anche per la preparazione di vari tipi di dolci come la cheescake oppure per la preparazione di creme e salse.

Come si mangia il kefir?

Il kefir si consuma prevalentemente da solo; è apprezzato fresco o a temperatura ambiente, principalmente come bevanda.
Il kefir viene associato più frequentemente ad alimenti come: miele, frutta fresca zuccherina. Il kefir può essere conservato in frigorifero per oltre 7 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *