“La lavatrice è piena di batteri!”: incredibile ecco come scoprirlo e cosa fare

La lavatrice può essere paragonata allo spazzolino da denti: Vi lavereste mai i denti con lo spazzolino di un’altra persona? Lavereste mai in lavatrice le coperte dei vostri animali o i tappeti di casa insieme alla biancheria intima? Lavereste mai le tue mutande e quelle dei tuoi bambini insieme a quelle di degli estranei? Tutto questo per farvi capire che la lavastoviglie è un elettrodomestico molto intimo e personale. Ma come si campisce se la nostra lavastoviglie è piena di batteri? Cosa dovremmo fare in tal caso? All’interno di questo articolo risponderemo a queste e ad altre domande.

I batteri della lavastoviglie

La lavatrice raccoglie batteri e sporcizia di tutti e se non la di mantiene bene rimarranno attaccati sui vestiti. Per questo va tenuta in un certo modo per farla durare nel tempo ma anche per far che sia in grado di assicurarci l’igiene e la sicurezza necessari per la nostra famiglia e per tutti i nostri capi di vestiario più o meno intimi.

Perché fare la manutenzione della lavatrice

La manutenzione della nostra lavatrice viene eseguita principalmente:

  • per evitare la formazione di sporco, che rimane all’interno delle tubature, nei filtri, nel bordo dell’oblò;
  • per evitare la formazione di cattivi odori, che derivano dall’accumulo di sporco;
  • per evitare la formazione di cariche batteriche.

Avete notato che qualche volta sia la lavatrice che i vestiti hanno un odore di muffa dopo il lavaggio?
Questo accade perché nelle lavatrici possono proliferare i batteri in modo massiccio: calore, umidità e una vasta gamma di sostanze nutritive dai tessuti sporchi forniscono le migliori condizioni per il loro habitat. La tendenza verso il lavaggio a basse temperature, programmi di risparmio idrico e detergenti liquidi senza candeggina aumentano ulteriormente la crescita di germi. Grazie a uno studio microbiologico sulle lavatrici ad uso domestico, gli scienziati dell’Università di Furtwangen hanno identificato dozzine di diversi tipi di batteri sulla camera di induzione, sul sigillo dell’oblò, sul contenitore del pozzetto della pompa e sulle fibre di lavanderia. Il germe responsabile del cattivo odore è stato spesso trovato sull’oblò.  Una soluzione potrebbe quindi essere quella di sterilizzare per bene la guarnizione dell’oblò e lasciare la lavatrice aperta per asciugare.

Perché i vestiti appena lavati puzzano?

Se non avete mai effettuato la manutenzione della vostra lavatrice e sentite i vestiti che puzzano subito dopo il lavaggio è il momento di pulire la lavatrice. Lo sporco all’interno di essa causa cariche batteriche e queste col tempo sviluppano cattivi odori. Se utilizzate un normale detersivo di origine petrolchimica si farà più fatica a sentire questo sgradevole odore. I profumi che contiene il detersivo petrolchimico sono molto forti e coprono l’odore di muffa che rimane sui capi a causa del ristagno di acqua sporca e di batteri. Ma questi profumi non solo coprono il cattivo odore e i batteri ma possono dare fastidio e irritare le vie respiratorie perché contengono allergeni.

Le due soluzioni sono:

  • la corretta pulizia e manutenzione della macchina che ci permetterà di avere sempre dei capi perfettamente puliti.
  • usare dei profumatori naturali privi di allergeni che non irritano le vie respiratorie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *