Masticare foglie di alloro: cosa può accadere al nostro corpo?

Le foglie di alloro vengono principalmente utilizzare in cucina per conferire un piacevole sapore al cibo. Ma l’alloro può essere utilizzato solo per insaporire gli alimenti? Si possono masticare le foglie di alloro? All’interno di questo articolo risponderemo a queste e ad altre domande.

Come utilizzare l’alloro

In cucina l’alloro viene utilizzato principalmente per aromatizzare e insaporire gli arrosti o, anche, piatti a base di pesce. Esiste poi anche un altro modo per utilizzare le foglie di alloro che prevede di portarle ad ebollizione all’interno di un piccolo recipiente riempito di acqua, in questo modo verrà realizzata una bevanda dalle proprietà digestive e calmanti che farà molto bene anche alle mucose gastriche. La cosa migliore sarebbe quindi quella di utilizzare l’alloro in cucina con i metodi classici che conosciamo, per preparare quindi un digestivo da bere, dal quale toglieremo le foglie un attimo prima di servirlo, e per aromatizzare la carne e il pesce, mettendo le foglie di alloro intere sopra l’alimento durante la fase di cottura nella padella, insieme a un’irrorata di olio extravergine di oliva e a uno spicchio di aglio per poi rimuoverle prima di consumare l’alimento.

L’alloro è velenoso?

In molti pensano che l’alloro se mangiato crudo possa causare un avvelenamento. In realtà si tratta di un aspetto da chiarire poiché in natura esiste una pianta molto simile all’alloro e, di conseguenza, è abbastanza facile rischiare di confonderle: stiamo parlando del Lauroceraso. Il Lauroceraso ha delle foglie praticamente identicche a quelle dell’alloro, tuttavia si differenzia da queste le foglie di questa pianta non sono commestibili, anzi, sono perfino velenose! A causa di questa incredibile somiglianza delle foglie di queste due pianta è nata l’errata convinzione che l’alloro crudo potesse essere velenoso. Ovviamente, se in cucina, per preparare i nostri piatti e i nostri digestivi facessimo un uso smodato di foglie di alloro, il pericolo di tossicità e di reazioni allergiche, soprattutto nei soggetti predisposti, sarebbe comunque possibile. Troppo alloro infatti, può portare alla comparsa di dermatiti e di allergie. Ma il discorso naturalmente è ben distinto da un avvelenamento causato dall’errata ingestione di foglie di Lauroceraso.

Utilizzo casalingo dell’alloro

L’alloro ha anche pratici usi domestici e casalinghi. Viene utilizzato come pianta scaccia topi e ratti, profuma la biancheria, allontana larve e farfalline dalla dispensa. Ma l’alloro può essere usato solo in questi modi ovvero come rimedio domestico e aromatizzante di infusi e pietanze o si può mangiare così com’è, masticando le sue foglie?

Cosa succede se mangiamo le foglie di alloro?

Se vi dovesse venire in mente la geniale idea di assaggiare e dare un morso a una foglia cruda di alloro, molto probabilmente non lo farete più per il resto della vostra vita. Nell’organismo si innescherà quasi immediatamente una sensazione di rifiuto. Le foglie di alloro crudo sono infatti eccessivamente amare per il palato. Le papille gustative della lingua trasmetteranno immediatamente al cervello un messaggio negativo derivato dal senso del gusto e, di conseguenza, il sistema nervoso elaborerà una risposta di rifiuto del cibo tramite la stimolazione della ghiandola salivare. Non è esclusa inoltre la comparsa di un senso di nausea persistente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *