Perchè l’avocado costa così tanto? Ecco la verità

L’avocado è un frutto molto saporito, conosciuto per essere l’ingrediente principale per la della della gustosa salsa guacamole. In Italia non era molto conosciuto ma negli ultimi anni la sua diffusione è aumentata sempre di più ed oggi è abbastanza facile trovarlo in quasi tutti i reparti ortofrutticoli dei supermercati. Ma allora, perché gli avocado costano così tanto? All’interno di questo articolo risponderemo a questa e ad altre domande.

L’avocado

L’avocado in cucina si presta alla preparazione di moltissime ricette differenti, questo grazie al suo particolare sapore che lo rende un ingrediente molto versatile. Può essere abbinato a cibi salati, può essere fatto a tocchetti e andare a guarnire un’insalata insieme a delle noci, può essere lavorato per realizzare la famosissima e gustosissima salsa guacamole, utile per guarnirele deliziose tortillas di mais. Va comunque detto che l’avocado è un frutto molto diverso rispetto a quelli che su admind abituati a vedere in Italia. L’avocado infatti, a differenza della frutta Italiana comune, presenta spiccate peculiarità. La prima di queste è il ridotto contenuto di zuccheri, che rende ad esempio il suo consumo ottimale per chi soffre di malattie del metabolismo. L’avocado ha anche un alto tasso di oli e grassi monosaturi, che risultano essere benefici per i tessuti nervosi e per le cellule muscolari dell’organismo. L’avocado, inoltre, è in grado di far scendere i livelli di colesterolo cattivo LDL presenti nel sangue e, di conseguenza, fa bene al cuore. Mangiare questo frutto aiuta anche a preservare la giovinezza della pelle. Ma come mai gli avocado costano così tanto? Nel prossimo paragrafo cercheremo di dare una risposta a questa domanda.

Perché gli avocado costano così tanto?

Che sia sopra dei toast, nel guacamole o in un’insalata, dovete sapere che l’avocado ha un fortissimo impatto ambientale per quel che riguarda l’impronta idrica, la deforestazione, l’impiego di pesticidi e le condizioni di lavoro di chi lo coltiva. Ciò nonostante tutto questo a livello globale sembra non importi, in effetti basta aggiungerne qualche fetta nel piatto per ottenere il pasto perfetto, sano e “Instagrammabile”. Tuttavia la moda globale per l’avocado è un fatto recente, in passato, infatti era considerato una primizia esotica esclusiva delle tavole aristocratiche, il frutto, successivamente è arrivato nei supermercati negli anni ’70, ma è diventato famoso solo nell’ultima decina di anni, grazie al suo particolare aspetto e il suo colore che lo rendono altamente fotogenico, senza parlare della fama attribuitagli di essere un superfood grazie a una vincente strategia di marketing. L’avocado nei supermercati viene venduto al pezzo, e le vendite stanno aumentando sempre di più, e con loro anche il prezzo. Negli Usa, grande consumatore di avocado, i prezzi all’ingrosso in questo periodo sono alle stelle, si stima che siano aumentati del 129% rispetto al luglio dell’anno scorso. Il motivo? In molti avevano dato la colpa al presidente degli Stati Uniti Donald Trump e dei suoi dazi sui prodotti importati, in realtà, almeno per il momento, il motivo è un altro. Ebbene si tratta semplicemente della classifica legge della domanda e dell’offerta. Poco prodotto dalla California, non sufficiente quello messicano, domanda che cresce sempre di più.