Un ingrediente segreto per la carbonara: ecco di cosa si tratta

Una delle ricette più classiche della cucina italiana è sicuramente la pasta alla carbonara. Per essere più precisi si sta parlando di una ricetta tipica della cucina romana, amata in tutto il mondo e viene modificata in base alle regioni italiane in cui viene preparate, naturalmente stiamo parlando di piccole variazioni e non delle vere e proprie varianti. La carbonara è un piatto che lega sapori decisi e consistenze croccanti e cremose. Malgrado ciò, come già precedentemente detto, nelle varie regioni italiane viene leggermente modificata variando alcuni ingredienti: c’è chi utilizza la pancetta, chi la cipolla, chi la preferisce con la pasta corta e chi la mangia solo con pasta lunga, poi c’è chi sostiene che si debba usare solo il bianco dell’uovo e chi solo il rosso. Infine, anche se in questo caso si tratta di varianti non italiane, c’è chi aggiunge pure la panna. Ma esiste un ingrediente segreto per preparare la carbonara perfetta? All’interno di questo articolo risponderemo a questa e ad altre domande.

Come preparare la carbonara perfetta

La prima cosa che va precisata è che una vera e propria ricetta originale non esiste, poiché non sono conosciute le antiche origini di questo piatto, ma comunque la tradizione romana fissa delle linee guida molto rigide, quindi si può tranquillamente andare a spiegare la ricetta della vera carbonara.

Il segreto per la carbonara perfetta

Per cucinare la carbonara perfetta il primo e unico segreto consiste nel selezionare solamente ingredienti di altissima qualità: del pecorino romano di stagionatura media e quindi ancora un po’ morbido, del guanciale di ottima qualità e gli spaghetti di un’ottima marca. Invece gli ingredienti che assolutamente non devono essere presenti sono la pancetta a cubetti, il parmigiano, la cipolla e, soprattutto la panna, che per noi italiani sarebbe un errore madornale!

Ecco come cucinarla:

Fate bollire l’acqua, una volta raggiunta la temperatura di ebollizione potete immergere gli spaghetti nella pentola. L’acqua deve essere poco salata, considerato che sia il guanciale che il pecorino sono già molto salati. Mentre la pasta sta cuocendo, togliete la cotenna dal guanciale per poi farlo a cubetti. Conservate un pezzetto di cotenna e mettetelo nell’acqua di cottura insieme alla pasta. A questo punto dovrete prendere una padella per far saltare il guanciale senza aggiungere altro poiché si cucinerà col suo stesso grasso sciolto. Il segreto sta proprio nel modo in cui il guanciale è stato tagliato, più i cubetti saranno spessi e più risulteranno croccanti a fine cottura. Appena il guanciale sarà croccante potrete toglierlo dalla padella. Adesso iniziate preparare la “crema”, che va fatta solo con un tuorlo dell’uovo ed un uovo intero (dose per 1 persona massimo 2). Grazie a questa proporzione la pasta verrà bella cremosa. Alle uova va aggiunto il pecorino grattugiato per poi sbattere il tutto con una forchetta fino a quando non si saranno amalgamati bene tutti gli ingredienti. Infine potete concludere la ricetta con una bella spolverata di pepe. Quando la pasta sarà pronta potrete farla saltare nel grasso lasciato nella padella dal guanciale aggiungendo un po’ di acqua di cottura per facilitare il rilascio degli amidi. Adesso potrete unire la crema di uovo e pecorino alla pasta con il guanciale, questa procedura va fatta fuori dal fuoco e dopo aver aspettato un minuto, una volta aggiunta la salsa mettete l’acqua di cottura e mantecatela facendola saltare o girandola velocemente con un cucchiaio di legno: in questo modo l’uovo non si si rapprenderà causando il classico effetto frittata poco gradito in questo caso.