Elisir di lunga vita: ecco l’ingrediente che devi utilizzare

Mangiare bene, alimentarsi in modo sano, allunga la vita. Un corretto comportamento alimentare favorisce in meglio la nostra salute. Esiste un alimento che più fra tutti può essere considerato un elisir di lunga vita: ecco l’ingrediente che devi utilizzare in cucina se vuoi vivere a lungo.

Il finocchio: un elisir di lunga vita

Elisir di lunga vita: ecco l’ingrediente che devi utilizzare, si tratta del finocchio. Il finocchio è una verdura che giunge sulla nostra tavola in inverno proprio per supportarci al meglio durante la stagione fredda. Questo ortaggio si caratterizza per un grosso bulbo di colore bianco da cui spuntano alcuni gambi verdi. Dal punto di vista della sua composizione il finocchio contiene tannini, acidi fenolici e bioflavonidi. E’ inoltre ricco di sostanze dal potere antiossidante, che aiutano l’organismo a contrastare l’invecchiamento cutaneo e cellulare causato dai radicali liberi.

Dal punto di vista nutrizionale il finocchio contiene proteine, carboidrati, pochi grassi ed è completamente assente di colesterolo. Nel bulbo sono inoltre presenti le vitamine A, B, C e K e molti sali minerali come il rame, il ferro, il calcio, lo zinco e il selenio. Tutte queste proprietà e caratteristiche fanno del finocchio un elisir di lunga vita da tenere nella dispensa con cura e attenzione.

Perché il finocchio allunga la vita

Perché mangiare finocchio può essere considerato come avvalersi di un elisir di lunga vita? Innanzitutto perché il finocchio protegge il cuore riducendo l’insorgenza di infarti. Mangiare finocchi rende il cuore sano e lontano dalla comparsa di malattie cardiache. Il finocchio aiuta a mantenere normali i livelli di colesterolo HDL nel sangue e contrasta il colesterolo LDL.

Mangiare finocchio aiuta a prevenire l’ictus preservando funzioni cerebrali e capacità cognitive allo stato ottimale. Il finocchio ha capacità di vasodilatatore e permette a più ossigeno di raggiungere il cervello per cui l’attività neurale si compie on funzionalità perfette. Chi mangia finocchio sta lontano dall’osteoporosi. L’ortaggio rinforza le ossa grazie all’apporto di minerali.

Questo elisir di lunga vita permette anche di fermare il tempo grazie alla vitamina C, potente antiossidante che ritarda l’invecchiamento e la comparsa delle rughe. Si avrà anche una perfetta forma fisica grazie alla ricchezza di fibre, che saziano l’appetito e tengono lontano chi è a dieta da pericolosi spuntini fuori dai pasti principali.

Il finocchio aiuta anche la digestione e la pressione sanguigna. Nutrirsi dell’ortaggio migliora la circolazione e favorisce il mantenimento di valori pressori ideali. Da ultimo ma non per importanza, chi mangia finocchio come elisir di lunga vita è protetto dalla comparsa di patologie tumorali nel proprio organismo. Ciò è possibile grazie alle concentrazioni di sostanze presenti nel finocchio come i flavonoidi, gli alcaloidi e i fenoli, che evitano la moltiplicazione cellulare maligna che da origine ai tumori, patologie che come sappiamo bene accorciano purtroppo la vita di chi ne soffre.