Allerta gomme lisce: la multa può diventare molto salata

Allerta gomme lisce: la multa può diventare molto salata

Guidare con pneumatici molto usurati è una cattiva idea per una serie di ragioni, oltre agli ovvi rischi a causa della minore aderenza al manto stradale, c’è una vera e propria allerta gomme lisce, strettamente legato alla capacità di frenata del veicolo, alla tenuta di strada e ai consumi e… alle multe!

Mettere pneumatici in perfetto stato, si sa, incide sul consumo del carburante, questo il motivo per cui c’è chi crede di fare un affare quando utilizza gomme consumate più di quanto la legge prevede, pensando di stare buttando soldi sul medio e lungo periodo.

Oggi chi viene sorpreso a circolare con gomme non a norma, pagherà una multa che va da 85 a 338 euro, oltre 2 punti in meno alla patente.

Non solo: se l’agente stradale lo ritiene opportuno notando gli pneumatici con irregolarità che vengono ritenute pericolose per la sicurezza del guidatore e degli altri automobilisti, può addirittura procedere:

  • fermo dell’ auto
  • togliere ben 3 punti alla patente
  • multa pecuniaria
  • obbligo di pagare le spese di trasporto della vettura

Non ha scampo nemmeno il guidatore che monta gomme di dimensioni diverse da quelle approvate, che rischia di essere obbligato a sottoporre l’auto a revisione.

Allerta gomme lisce: come capire se le gomme sono da cambiare

Non è difficile riconoscere uno pneumatico consumato, perché ciascuna gomma a norma presenta nella parte centrale del battistrada un tassello che indica proprio l’usura e cioè è calibrato sulla soglia minima prescritta dal Codice della Strada.

Quando si raggiunge la profondità di 1,6 mm indicata da questo tassello, è arrivata l’ora di sostituire la gomma per evitare di incorrere in sanzioni ma soprattutto mettere a repentaglio l’incolumità degli automobilisti.

Questo tassello che indica appunto la soglia massima, verifica l’usura della parte centrale del battistrada, ma chi desidera operare una misurazione più accurata e la profondità del battistrada laterale può ricorrere all’uso di uno strumento di precisione: il calibro di profondità, facilmente reperibile e che non costa molto.

Con qualche euro in più potete addirittura comprare anche una versione digitale del calibro di profondità.

Allerta gomme lisce altre modalità per misurarla: le monete

L’alternativa più economica è usare monete da 1 e 2 euro. Chi ha montato pneumatici estivi o le all season, non dovrà fare altro che appoggiare la moneta da 1 euro sulle scanalature del battistrada: se le stelle del bordo sono visibili, allora la gomma è da cambiare.

Chi invece ha montato gomme invernali può usare lo stesso stratagemma ma con la moneta da 2 euro e verificare che il bordo argentato non sia visibile.

In conclusione diremo che circa un decimo degli italiani, secondo le statistiche, circola con gomme lisce o comunque non conformi alle normative vigenti.

Per capire se uno pneumatico è usurato e se c’è bisogno quindi di sostituito, basta attenersi al limite fissato dal Codice della Strada, per il quale il battistrada di uno pneumatico deve presentare un intaglio visibile sia sulla larghezza sia sull’intera circonferenza e in particolare la profondità degli intagli centrali dovrà essere di almeno 1,6 mm per gli autoveicoli, 1 mm per i motoveicoli e 0,5 mm per i ciclomotori.