Rimedi naturali contro le formiche. Ecco quali funzionano

Nelle nostre case, nei nostri appartamenti e nei nostri giardini ormai gli animaletti la fanno da padrone. Il contesto di città o di campagna poco cambia: in casa, oltre gli animali domestici, abbiamo sempre degli inquilini indesiderati. Aprendo le finestre, entrano mosche, vespe e calabroni che con il loro ronzio sono un’appendice fastidiosa, svolazzando alla ricerca dei vetri, a terra invece abbiamo le formiche che, se non allontanate, possono diventare altrettanto fastidiose diventando proprio un serio problema poi difficile da debellare. Cerchiamo di trovare qualche soluzione in materia

Formica in viaggio

La formica non è mai da sola, o almeno viaggia raramente da sola. Per sua indole, infatti, è un animale trainante che si muove a gruppi, fa massa pian piano e riesce a muoversi in tutti gli angoli.

È l’animale che porta pesi più grandi della sua struttura e la sua indole operaia, soprattutto di questi periodi, le permette di fare provviste in vista del prossimo inverno. E qui, entriamo in gioco noi, quando lasciamo per terra molliche e briciole, che noi nemmeno vediamo a occhio loro, ma le formiche considerano come oro colato ed entrano dunque a fare scorta di questi “tesori”. Toglierle da casa, dai nostri spazi si può anche con metodi naturali.

Rimedi contro le formiche

Non utilizzando i pesticidi, soprattutto in spazi angusti o comunque poco arieggiati, dobbiamo allontanare le formiche dalle nostre abitazioni con metodi naturali e non tossici verso l’ambiente che ci circonda. La natura, ma anche i prodotti che utilizziamo in cucina possono esserci utili in molti casi. Prendiamo ad esempio l’aceto, che ha ovviamente meno gradazione alcoolica rispetto al vino, ma è capace ugualmente di allontanare le formiche. Sia per l’odore (le formiche infatti hanno delle percezioni nasali superiori alle nostre, ma molto più delicate), nonché per le sostanze emanate nell’aria, l’aceto diventa dunque nemico delle formiche con le file…che spariranno e gireranno al largo. Da notare una particolarità: con l’aceto le formiche scappano, ma i moscerini no.

Il piccante allontana

La formica è un animale che non ama le spezie. Non le raccoglie per terra, né tanto meno le sopporta. Così scopriamo che altri elementi presenti proprio sulle nostre tavolate possono allontanarle. È sempre una questioni di odori, nel caso della cannella e dei chiodi di garofano, ma nel caso del peperoncino è una sorta di repulsione che tocca anche i sensi del gusto. Formiche quindi alla larga da questi elementi, ma anche da altre piante che sono presenti nel nostro giardino o semplicemente sui nostri balconi se stiamo in un appartamento. È il caso dell’alloro, che può essere tranquillamente posizionato ai bordi delle porte e delle finestre, ma anche della menta, veramente indigesta per le formiche, senza parlare dell’origano.

Trovando il formicaio, dunque, possiamo sbizzarrirci nel provare tutte queste soluzioni e allontanare “il pericolo”: le formiche, infatti, muovendosi a gruppi possono andare in luoghi e toccare cibi che credevamo al sicuro. Molte volte, infatti, possono toccare gli alimenti che abbiamo conservato in maniera leggermente superficiale oppure “attaccare” in massa i dolci. La formica, infatti, non ha problemi di…diabete e va a colpire spesso le torte con la glassa di ogni genere.