Perchè mettere l’aceto nella lavatrice: ecco cosa succede

Mettere l’aceto nella lavatrice può sembrare una cosa strana. Tuttavia si tratta di un ottimo igienizzante e ammorbidente. L’aceto in lavatrice è ottimo sia sui capi bianchi che su quelli colorati. Oltretutto l’aceto, al contrario di alcuni detersivi, è decisamente più economico, biodegradabile, ecologico e anche delicato sulla pelle. L’aceto bianco distillato è un prodotto miracoloso per il bucato tanto da poterlo utilizzare per qualsiasi cosa: per ammorbidire, deodorare gli indumenti ed anche per togliere le macchie. Ma come si usa l’aceto nella lavatrice? All’interno di questo articolo risponderemo a questa e ad altre domande.

Come lavare gli indumenti con l’aceto?

Ciò che dovete fare è versare 120 ml di aceto bianco distillato nella lavatrice al posto del detersivo. L’aceto pulisce gli indumenti senza ricorrere a sostanze chimiche aggressive che contengono molti detersivi commerciali. Diversi detersivi sono molto pericolosi in poiché possono causare gravi danni alla salute se vengono ingeriti, inalati o se entrano a contatto con le mucose o con la cute. Il detersivo può causare ustioni, ferite gravi agli occhi e persino irritazioni delle vie aeree. Usare l’aceto nella lavatrice è semplicissimo e non pericoloso. Bisogna solo rispettare alcune regole per avere sempre il massimo dei risultati.

Usare l’aceto come ammorbidente

Per usare l’aceto in lavatrice come ammorbidente prendere 250 ml di aceto e attendete che il programma della lavatrice arrivi all’ultimo ciclo di risciacquo. Arrivata questa fase potrete versare l’aceto direttamente nella lavatrice. Utilizzato in questo modo l’aceto agirà come un semplice ma efficace ammorbidente naturale. Se, invece, con l’aceto volete trattare prima del lavaggio in lavatrice alcune macchie basta diluire 120 ml di aceto in 4 litri d’acqua e applicare la soluzione sulle macchie dopodiché potrete infilare l’indumento nella lavatrice.

Quali sono i benefici dell’aceto?

Mescolando 60 ml di succo di limone con 50 g di borace e 120 ml di aceto si ottiene una miscela che sostituisce l’uso della candeggina nella lavatrice. Impiegando, invece, 120 o 240 ml di aceto direttamente dentro la lavatrice durante il ciclo di risciacquo sarete in grado di eliminare i cattivi odori dalle fibre senza che rimanga l’odore di aceto. Se versate 120 ml di aceto bianco distillato dentro la lavatrice sarete in grado di proteggere i vestiti dallo scolorimento. Se il vostro obbiettivo è non fare scolorire i vestiti in lavatrice potrete trattarli prima in una soluzione di 120 ml di aceto con 4 litri di acqua.

L’aceto pulisce la lavatrice?

Ebbene si, l’aceto può anche essere usato per pulire la lavatrice. Per eliminare i cattivi odori della lavatrice vi basterà versare direttamente nel cestello 2 litri di aceto bianco diluiti con un po’ d’acqua e aggiungere anche 10 gocce di olio essenziale di lavanda. Fatto questo potrete poi avviare un programma di lavaggio abbastanza lungo ad una temperatura superiore ai 60° e aggiungere 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio per potenziare l’effetto igienizzante e sgrassante dell’aceto. State tranquilli, l’odore dell’aceto svanirà durante il lavaggio grazie all’azione dell’olio essenziale di lavanda. Una volta finito il lavaggio avrete un cestello splendente e, soprattutto, igienico con tubi liberi dal calcare e un favoloso profumo di lavanda.