Automobili, converrà ancora comprare il diesel? Ecco la verità

L’ultima tendenza di alcune Case automobilistiche è stata quella di escludere dalla propria gamma i modelli a propulsione diesel, preferendo puntare su ibride, elettriche e benzina.
Questa scelta deriva dalle ultime norme europee, e dalle conseguenti ordinanze, nonostante i recenti diesel Euro 6d-temp emettano un grado di Nox (diossidi di azoto), PM10 (polveri sottili) e CO2 (anidride carbonica) inferiori alla media di un benzina di pari cilindrata, le auto a gasolio spesso vengono estromesse dalla produzione.

C’è da dire che però il diesel al pubblico piace ancora: economico (alla pompa) rispetto alla benzina, e “pulito” (come dimostrato da diverse pubblicazioni scientifiche), viene però osteggiato dalle numerose ordinanze emesse nelle grandi città come Torino, Milano, Roma, eccetera.

Nella realtà le ordinanze e i blocchi sono ancora misure sporadiche, per lo più legate alla stagione invernale e ai periodi di scarse precipitazioni: per questo motivo molti automobilisti scelgono comunque di non rinunciare ad acquistare un modello a gasolio.
Soprattutto per chi vive in provincia e visita raramente grandi città, si tratta ancora di precauzioni di improbabile attuazione; inoltre, la conclusione del percorso delle auto diesel, che terminerà con la definitiva esclusione di questi propulsori dai centri città, è lontana.
Oggi, nel 2020, un moderno diesel Euro 6 ha un’aspettativa di vita ”legale” per almeno il prossimo decennio, o anche di più, in base alle varie decisioni delle autorità locali.

Acquistare un diesel nel 2020

Sulla base di questi dati sta quindi a voi valutare se acquistare un diesel nel 2020: per farlo pensate al vostro chilometraggio annuale. Se si tratta di un dato superiore a 15.000/20.000 km, tra 5 anni dovreste comunque cambiare auto, e quindi l’acquisto di oggi sarebbe ammortizzato.

Inoltre, potrete sempre permutarla con un classico benzina, con un’ibrida, un’elettrica o altro, operazione resa ancora più semplice dai numerosi contratti finanziari che permettono di cambiare auto dopo 2/3 anni, sempre tutelati dal valore futuro garantito. Stessa cosa per i leasing e i noleggi a lungo termine, garantiti da un orizzonte di 36/48 mesi, alla chiusura dei quali potrete rinegoziare l’accordo, anche cambiando modello di auto o solo motorizzazione.