Pensioni INPS Novembre 2020: ecco quando avverrà il pagamento

Chi percepisce la pensione ed attende l’arrivo del rateo si chiede se anche per il mese di novembre si prevede un anticipo dei pagamenti. Per via dell’emergenza epidemiologica, da qualche tempo i contribuenti ricevono prima l’assegno pensionistico e alcuni addirittura lo percepiscono direttamente a casa. Ci riferiamo nello specifico all’opportunità di cui si possono avvalere gli anziani di età superiore ai 75 anni che non posseggono un conto corrente. Per evitare di recarsi personalmente a ritirare l’importo spettante, possono chiamare i Carabinieri e richiedere il servizio di consegna a domicilio del rateo pensionistico.

Con ogni probabilità anche per il mese di novembre prossimo il titolare di pensione potrà ricevere l’assegno con anticipo. Dobbiamo, infatti, considerare che il Governo ha deciso di prolungare ulteriormente lo stato di emergenza. E ciò a causa dell’insorgenza di nuovi casi di contagio e della nuova ondata di diffusione del Covid-19. Col Decreto legge del 7 ottobre 2020, il Consiglio dei Ministri ha esteso la durata dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021. E ciò proprio “in conseguenza del rischio sanitario” per cui chi si chiede quando pagano le pensioni INPS di novembre 2020 potrà contare sull’anticipo.

Pensioni INPS Novembre 2020: ecco quando avverrà il pagamento

I titolari di conto corrente postale o bancario potranno ricevere l’accredito del trattamento previdenziale lunedì 2 novembre 2020. Il primo giorno bancabile a novembre coincide infatti con il secondo giorno del mese prossimo. Diverso il caso di chi invece percepisce la pensione e possiede un Conto BancoPosta, una Postepay Evolution o un semplice libretto di risparmio. Per costoro i pagamenti giungeranno a partire da lunedì 26 ottobre secondo il consueto ordine alfabetico dei cognomi.

Si può dunque presumere che il titolare di pensione il cui cognome inizia con la lettera zeta riceverà l’assegno non più tardi del 31 ottobre. Ricordiamo infine che il mese di novembre riserverà un assegno più generoso ai titolari di pensione di invalidità in virtù dell’aumento e degli arretrati.