Zoom da oggi più sicuro: a breve verrà stabilita la crittografia.

Per aumentare la sicurezza degli utenti Zoom si prepara introdurre la crittografia end-to-end a partire dal 19 ottobre.

Da questa data lancerà la sperimentazione della crittografia end to End, successivamente dopo la fase di test, la piattaforma rilascerà la possibilità di crittografare i meeting sia per gli utenti Premium che per chi accede in modalità gratuita.

Il processo della crittografia end-to-end si articolerà in quattro frasi: la prima fase verrà lanciata a ottobre, mentre la seconda fase è prevista per il 2021 quest’ultima includerà una migliore gestione delle identità degli account e l’integrazione di altri sistemi di sicurezza. Questa fase di test durerà per 30 giorni, in quest’arco di tempo gli utenti saranno invitati da Zoom fornire un loro feedback, se quest’ultimo sarà positivo la funzione verrà estesa a tutti gli utenti e gli host potranno abilitare la crittografia end-to-end per qualsiasi tipo di account e gruppo.

Dopo aver abilitato la crittografia, nella schermata e riunione apparirà un logo a forma di scudo con questo logo la piattaforma annuncerà l’avvenuta attivazione della crittografia.

Con l’integrazione della crittografia Zoom  vuole arginare i dubbi sulla sicurezza della piattaforma che si sono sollevati negli ultimi mesi, dopo il boom di utilizzo legato alla quarantenne quindi il moltiplicarsi dei meeting. Una volta che la crittografia sarà stabilita, gli utenti perderanno alcune funzionalità tra cui la registrazione su cloud, la trascrizione live la possibilità di partecipare al meeting prima dell’host.

Come spiegato sul sito ufficiale Zoom ha specificato che gli utenti del piano di base che vorranno abilitare la crittografia saranno tenuti ad attivare un processo di verifica per migliorare la sicurezza, come ad esempio la verifica in due passaggi attraverso un sms sul numero.

Ovviamente si tratta di un ulteriore precauzione che la piattaforma prende in considerazione per scongiurare la creazione di eventuali account abusivi.