Quali sono le vecchie Lire che valgono tanti soldi? Ecco la classifica

Molti anziani hanno in casa degli oggetti antichi, che non gettano via perché sono legati da un ricordo, ci sono affezionati, li trattano come se fossero dei veri e propri tesori, tra questi tesori, rientrano anche alcune monete antiche, monete come le vecchie lire, che a noi potrebbero sembrare inutili, e invece molte monete al giorno d’oggi valgono una fortuna. Quindi non gettatele via, alcune potrebbero farvi guadagnare molti soldi. In questo articolo di stamattina andremo a vedere alcune vecchie lire che valgono tanti soldi.

Intanto, come premessa indispensabile, dobbiamo chiarire che le monete hanno un valore buono o congruo se sono definibili (in termini numismatici) come “in Fior di Conio” ovvero se di fatto sono intatte, cioè con pochi graffi e con scarsi segni di usura.

Quali sono le vecchie Lire che valgono tanti soldi? Ecco la classifica

  • 1947
    La 10 Lire del 1947 ha oggi un valore economico che può arrivare fino a 4.000, 5.000 euro.
  • 1955
    La 100 lire coniate nell’anno 1955 gli esemplari stimati come in fior di conio possono raggiungere un valore pari a 1.200 euro. Il valore tanto elevato dipende anche dalla rarità della moneta, ne furono coniate circa 8,6 milioni.
  • 1956
    E’ ricercata e può essere molto preziosa anche la 5 lire del 1956, il suo valore economico oggi è assai variabile. Mediamente oscilla tra i 50.00 e i 60.oo euro ma, se ottimamente conservata, questa monetina può arrivare a valere anche una cifra pari 2.000 euro.
    Una simile oscillazione dipende completamente ed esclusivamente dallo stato di conservazione della moneta.
  • 1958
    Il 1958 ha due monete di eccellenza da un punto di vista numismatico: la 2 lire e la 50 lire. La 50 lire coniate nell’anno 1958 ha oggi un valore economico variabile, sempre dipendente dallo stato di conservazione della moneta, e che va dai 20.00 euro ai 2.000 euro per una moneta in fior di conio. Le 2 Lire del 1958 hanno un valore economico che oscilla da un minimo di 80.00/100.00 euro a un massimo di 500.00 euro per i pezzi mantenuti in condizioni eccellenti.