Hai le 10 lire di carta? Incredibile, ecco quanto valgono

Il concitato periodo che segnò la storia dell’Italia nel secondo dopoguerra, durante il passaggio dal regime fascista alla repubblica e alla democrazia, è testimoniato anche dalle emissioni di banconote della Banca d’Italia e di biglietti di Stato. Nascono i “titoli provvisori” da 5.000 e 10.000 lire, tagli divenuti indispensabili a causa della fortissima svalutazione della lira, il 98 per cento rispetto al valore anteguerra.

Si nota la modifica del contrassegno di Stato avvenuta con decreto ministeriale del 14 agosto 1947, da «testina dell’Italia diademata» a «testa di Medusa». In tutte le emissioni in lire il contrassegno era il simbolo dell’autorizzazione dello stato a una banca di emettere cartamoneta, da cui il termine banconota. I biglietti di Stato, stampati in proprio attraverso il Poligrafico, infatti non avevano alcun contrassegno. Nell’articolo di stasera noi andremo a concentrarci sulle banconote da 10 lire.

Hai le 10 lire di carta? Incredibile, ecco quanto valgono

I cambiamenti furono radicali anche se, a ben vedere, nel biglietto da 10 lire fu riprodotta la cifra 10 con la soprascritta in lettere in maniera del tutto identica a quella imperiale, mentre i biglietti da 1 e 2 lire mantennero la lettera V romana al posto della U fiorentina. Con la Repubblica, i bozzettisti, forse logorati dai troppi cambiamenti, non diedero grandi prove di fantasia, ideando biglietti di Stato da 50 e 100 lire assolutamente identici, anche perché destinati a circolare per brevissimo tempo, in quanto era già stata presa la decisione di convertire quei tagli in monete metalliche.

Infatti dopo questa emissione il Poligrafico continuò a stampare soltanto il taglio da 500 lire (fino al 1979), convertendo tutti i valori più piccoli in moneta metallica che con l’aumento costante dell’inflazione perderanno sempre più il loro valore fino a essere degradati a spiccioli. Ma l’epoca delle banconote di grandi dimensioni non era ancora finita. Ecco infatti, a partire dal 1947, l’arrivo dei cosiddetti lenzuoli, come il 5.000 e il 10.000 lire tipo Repubbliche marinare, uscite rispettivamente il 17 gennaio 1947 e l’8 maggio 1948.

Erano banconote enormi, misuravano rispettivamente 233,5x 124,5 e 246×125 millimetri. Per poter essere infilate nei portafogli venivano piegate in quattro. Circolarono per oltre un decennio, fino ai primi anni Sessanta. Il potere di acquisto delle 5.000 lire, nel 1947, era pari a 93 euro, quello delle 10.000, l’anno successivo, era di 175 euro. Nel 1962, ormai vicine alla sostituzione, valevano rispettivamente solo 57 e 114 euro. Ormai erano alle porte i “favolosi anni Sessanta”, gli anni del boom economico e demografico. L’Italia stava prendendo maggiore consapevolezza di sé come nazione e stava diventando una potenza mondiale. Le banconote si rinnovano completamente: vanno in pensione, dopo decenni, i motivi floreali e allegorici per dare rilevanza ai personaggi che fanno parte della nostra storia e hanno dato lustro al paese nel mondo.