Monete da 50 lire: incredibile, ecco quanto possono valere!

La prima moneta da 50 lire fu coniata nel 1954, l’ultima nel 2001. In questa guida vedremo quali sono le 50 lire rare e quali sono i valori, anno per anno, di ciascuna moneta coniata. Come al solito, ricordiamo che i valori indicati in questa pagina, se non indicato diversamente, sono da attribuirsi per le monete in FDC o FS, sigle che indicano le monete in Fior Di Conio o in Fondo Specchio, cioè quelle in condizioni ottimali, perfette e mai circolate.

La prima moneta da 50 lire coniata dalla Repubblica Italiana, anno 1954. Alcune annate, a dire il vero la maggior parte, sono stati coniati così tanti pezzi che solo le monete in questo stato hanno un valore. Se lo stato di conservazione è buono o splendido le monete avranno un valore solo se per quell’anno furono prodotti pochi pezzi e quindi si potrebbe iniziare a parlare di rarità.

Durante l’arco degli anni furono prodotte ben 5 monete da 50 lire differenti. Al contrario delle altre monete della Repubblica Italiana, per la cinquanta lire non sono state coniate monete commemorative. Prima di parlare dei cinque differenti tipi diversi di moneta, vediamo quali sono le annate ritenute più rare e quindi con un valore maggiore rispetto alle altre.

Monete da 50 lire: incredibile, ecco quanto possono valere!

50 Lire Vulcano 1° Tipo
Questa è la prima moneta da 50 lire coniata. Tutti i pezzi rari che abbiamo citato sopra appartengono alla serie Vulcano 1° Tipo. La moneta presenta un contorno rigato ed un peso di 6,25 grammi. Ha un diametro di 2,48 centimetri ed è composta da Acmonital. Questa moneta fu coniata dal 1954 sino al 1989. Nel 1987 furono coniate alcune monete che presentavano il numero sette presente nella data più piccolo. I pezzi con questa piccola variazione possono arrivare a valere anche oltre i 20€.

50 Lire Vulcano Prova
Parliamo di questa moneta giusto per dovere di cronaca. In realtà si tratta di una moneta non collezionabile, prodotta nel 1989. Si trattava di una moneta di prova le cui caratteristiche erano le piccole dimensioni. Parliamo di un diametro di 1,655 centimetri per 2,7 grammi di peso. La data riportata è del 1984 anche se la coniazione avvenne nel 1989. Si tratta delle monete di prova della versione piccolina delle 50 lire. Non si conosce il numero dei pezzi prodotti, anni fa si parlava di circa 50 pezzi coniati. Alcuni di questi pezzi furono rubati e quattro recuperati dalla Guardia di Finanza.

50 Lire Vulcano 2° Tipo                                                                                               La moneta in Acmonital si presenta con un bordo liscio, un diametro di 16,55 millimetri ed un pesi di 2,7 grammi. Fu coniata dal 1990 sino al 1995 assieme alle piccole monete da 100 lire Minerva del 2° Tipo. Il loro valore è di circa 2€ per ciascun pezzo. Alcune monetine provenienti dalle confezioni della zecca in qualità Fondo Specchio possono arrivare a valere anche oltre i 15€ per pezzo.

50 Lire Vulcano 1995
Anche questa moneta è una piccola 50 lire. Fu coniata solo nel 1995 e l’unica variante con la versione precedente la troviamo nella natica di Vulcano che, in quest’annata, si presenta maggiormente marcata. Il valore però non cambia, siamo sempre sui 2€ circa per pezzo.

50 lire modello Turrita                                                                                         Questa moneta rappresenta l’ultima 50 lire coniata dalla Repubblica Italiana. La sua produzione avvenne dal 1996 sino al 2001. Non è più presente Vulcano e cambiano ancora una volta le dimensioni oltre che il materiale utilizzato. La moneta è in Cupronichel, è grande 19,2 millimetri e pesa 4,5 grammi. Il suo valore si aggira intorno ai 3€ per pezzo. Alcune monete provenienti dalle confezioni della zecca, nello stato di conservazione fior di conio o fondo specchio, possono arrivare a valere anche oltre i 15€.