Banconote di valore: ecco quanto puoi guadagnare

Buongiorno a tutti i nostri lettori, questa mattina andremo a parlare di banconote di valore. In linea generale le banconote messe in circolazione hanno un valore che vien e stabilito dallo Stato e che lo si conosce dato che è riportato stesso sulla banconota. Ma ci sono delle banconote che valgono molto più di quanto possa sembrare apparentemente. Questo succede quando le banconote presentano dei “difetti”, o comunque delle particolarità, assenti in altre banconote. Questo discorso ovviamente vale sia per le vecchie Lire che per l’Euro. Oggi andremo a vedere insieme quanto possono valere delle banconote che siamo abituati a vedere ed utilizzare tutti i giorni, ma che possono rivelarsi delle banconote da collezione, quindi di maggiore valore.

Banconote di valore: ecco quanto puoi guadagnare

Uno dei problemi che si riscontrano in molte persone, è quello di non saper distinguere le banconote comuni da quelle rare, purtroppo, quindi magari avevamo in mano una banconota di valore e l’abbiamo utilizzata per fare la spesa. Ma, riconoscerle non è impossibile, basta informarsi un pò per capire come distinguerle dalle banconote comuni, e oggi noi faremo proprio questo, vi daremo dei consigli per capire se le banconote sono di valore o no e anche quanto possono valere.

Come prima cosa una banconota per essere di valore, secondo diversi siti di numismatica, dovrebbe essere Fior di Conio o Fior di Stampa, come preferite, ovvero, devono essere in perfetto stato, non devono avere piegature, non devono risultare sgualcite, strappate e non devono presentare delle macchie o delle scoloriture, in questo caso le banconote già valgono dai 30 agli 80 euro.

La seconda cosa che rende le banconote di valore, sono le serie sostitutive, ovvero tutte quelle banconote che sono state stampate nuovamente per andare a sostituire delle banconote usurate e non più commerciabili. Il valore di queste banconote può andare dai dai 50 euro ai 2000 euro.

Per quanto riguarda altre caratteristiche che fanno di una banconota, una banconota di valore, sono gli errori di stampa, o dei difetti, in questa categoria rientrano tutte quelle banconote che sono sfuggite ai controlli della zecca e che quindi possono presentare degli errori di stampa come ad esempio un taglio non allineato, la mancanza dell’ologramma oppure il filo di sicurezza è sbagliato o è spezzato o può essere anche doppio. In questa categoria rientrano molto spesso le 50 euro, il loro valore quindi non sarà più 50 euro, bensì 350 euro.

Le banconote per essere di valore possono anche presentare delle serie particolari, come le serie radar, ovvero una serie che può essere letta allo stesso modo partendo da uno dei due lati, ad esempio S2405665042. Oltre a questa serie anche le serie con numeri consecutivi possono avere un valore maggiore, ad esempio quelli con una serie del tipo: 12345 o quelle con una serie composta da soli tre numeri come S22323121123. Vogliamo ricordarvi, per chi non lo sapesse, che che la S che vedete prima della serie numerica stampata sule banconote, sta ad indicare il Paese di provenienza, la S rappresenta il nostro Paese, l’Italia.