Antiche monete: ecco quali valgono oltre 100 mila euro

Il mondo della numismatica è ricco di fascino. Grazie alle antiche monete, infatti, è possibile scoprire aneddoti interessanti su epoche passate. Ovviamente è anche possibile guadagnare. Esistono diversi pezzi che, infatti, vengono valutati tantissimo. Alcuni, arrivano attorno ai 100mila euro e oltre.

Di quali monete si tratta? Scopriamo qualche informazione in più nelle prossime righe di questo aticolo.

Monete che valgono 100mila euro: quali sono?

Quando si parla di antiche monete che valgono tanto, un doveroso cenno deve essere dedicato al cosiddetto Lincoln Penny. Questa moneta da un centesimo di dollaro risale al 1914 e non è così raro. Ai tempi, infatti, venne coniata in 4 milioni di esemplari. Oggi come oggi, i pezzi disponibili sono di altissima qualità.

Alla luce di ciò, è possibile parlare di un valore economico molto alto. Per rendersene conto, basta rammentare il fatto che, nel corso di un’asta Heritage risalente al 2006, una di queste monete è stata venduta a una cifra pari a circa 95mila euro.

Ancora più interessante è il caso del cosiddetto Lincoln Penny on Steel. Anche in questo caso, si parla di una moneta da 1 centesimo. Coniata in 430 milioni di esemplari, questa antica moneta ha una caratteristica che la rende speciale. Quale di preciso? Il materiale con cui è stata prodotta.

Questo centesimo di dollaro, infatti, è stato coniato in acciaio e non in rame, come invece era d’uso ai tempi (siamo nel 1994). Tale peculiarità ha permesso al suo valore di lievitare tantissimo. Per rendersene conto, basta rammentare che, nel corso di un’asta risalente al 2007, una di queste monete è stata venduta a una cifra equivalente a circa 103mila euro.

Dove vendere le proprie monete antiche?

Se ci si accorge di possedere delle antiche monete e si ha intenzione di venderle, è molto importante scegliere il sito giusto. Qual è? La prima cosa da dire al proposito è che, se possibile, è meglio evitare portali come eBay (vale lo stesso ragionamento per chi vuole comprare).

Come mai? Il motivo è molto semplice ed è legato al fatto che, pur essendo siti sicuri, non grantiscono alcun controllo per quanto riguarda la valutazione dei singoli pezzi. Per questo, il rischio che si corre è quello di venderli a troppo o a troppo poco (il medesimo ragionamento vale per il pagamento). Alla luce di ciò, una buona idea prevede il fatto di concentrarsi su portali specializzati, come per esempio Catawiki.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *