“Non lasciare i soldi in queste banche!”: ecco cosa può accadere

Nel momento in cui si decide di aprire un conto o di trasferire i soldi da uno già esistente, è naturale informarsi sulle varie banche disponibili. Come ben si sa, ci sono diversi istituti di credito estremamente sicuri. Altre banche, invece, non lo sono affatto. Quali sono gli istituti dove è meglio non lasciare i propri soldi? Scopriamo assieme quali sono e i rischi che si corrono scegliendole.

Banche da evitare: quali sono e perché

Per scoprire quali sono le banche dove è meglio non lasciare i soldi, è possibile fare riferimento al parere degli esperti di Altro Consumo che, esattamente un anno fa, hanno analizzato l’affidabilità e la sicurezza di alcuni istituto di credito. Quali di preciso? Cosa è venuto fuori?

Ricordiamo innanzitutto che sono stati presi in considerazione criteri come il Common Tier Equity 1 Ratio e il Total Capital Ratio. Gli esperti di Altro Consumo hanno considerato come requisiti minimi un CeT1 Ratio pari al 9%. Per quanto riguarda invece il Total Capital Ratio, si parla invece di un minimo pari al 12,5%.

Sulla base di questi parametri, a fine 2019 sono state individuate come banche da evitare i seguenti istituti:

  • Banca Farmafactoring spa
  • CRU di Rovereto BCC
  • Banca di Filottrano
  • Banca Don Rizzo
  • Banca Valdichiana
  • Banca Paolo Azzoaglio
  • Bcc Bergamo & Valli
  • Bcc dell’Oglio e del Serio
  • Bcc di Cagliari

Ai tempi della compilazione del report da parte degli esperti di Altro Consumo, erano considerate più a rischio rispetto alle altre la Banca Farmafactoring e la CRU di Rovereto. Come è bene muoversi nel caso in cui la propria banca di riferimento dovesse essere presente in questo elenco? La prima cosa da fare è valutare il cambio di istituto, che può essere fatto in maniera gratuita.

Nel momento in cui si sceglie un altro istituto di credito, è molto importante monitorare la sua situazione informandosi attraverso siti di associazioni come Altro Consumo ma anche tramite i quotidiani economici come il Sole 24 Ore.