Novità sulla Busta Paga: ecco cosa cambia quest’anno

Continuano a non arrivare buone notizie per i lavorati, perchè l’Aran ha stilato un rapporto sulla basta paga e per i dipendenti pubblici quest’anno ci saranno dei cambiamenti rispetto allo scorso triennio.

Una notizia non presa assolutamente bene dai lavoratori, che attraverso i sindacati sono pronti a far partire delle proteste in merito. Ma quali sono queste novità? Scopriamolo.

Novità sulla busta paga ai dipendenti pubblici: ecco cosa cambia

Il cambiamento riguarderà l’elemento perequativo. L’elemento perequativo è una voce economica aggiuntiva nella busta paga di giugno, che cerca di dare sostegno a quei lavoratori con redditi più bassi. Generalmente, la cifra si aggira intorno ai 458 euro, non andando ad incidere sul TFR e nemmeno sulla buonuscita, però concorre con l’Inps al momento di calcolare la pensione.

Non per tutti sarà una novità negativa, infatti gli infermieri guadagneranno all’incirca 97 euro escludendo l’elemento perequativo e l’indennità per la vacanze resterà di 15 euro. Anche i docenti vedranno un aumento di oltre 90 euro, ma i più felici come al solito saranno i dirigenti, i quali guadagneranno 334 euro al mese in più rispetto a prima. Resta il fatto che Aran e sindacati non sono arrivati ancora ad una soluzione che accontenti tutti, ci sarà infatti un incontro ad inizio febbraio per confrontarsi, solo dopo l’accordo delle parti saranno  poi Ministero della Pubblica Amministrazione e del Ministero dell’Economia e delle Finanze, a prendere in carico l’emanazione della direttiva, destinando le risorse necessarie ai vari comparti del settore pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *