Allerta su Coinbase: possono rubare i vostri soldi

Sono sempre di più le persone che investono in criptovalute. Uno dei modi per farlo consiste nell’acquistarle concretamente aprendo un account su un Exchange come Coinbase. Attenzione, però: quando si utilizzano questi portali, bisogna usare forti cautelein quanto c’è il rischio di furti di dati e, di conseguenza, anche di soldi.

Se ti stai facendo domande in merito a questi raggiri, nelle prossime righe di questo articolo puoi trovare alcune informazioni preziose.

Furti di dati su Coinbase: ecco cosa sapere

I criminali che rubano i dati da Exchange di criptovalute come Coinbase mettono in atto quello che in gergo è noto come attacco SIM port (viene chiamato anche con altri nomi, ossia SIM slipping e SIM swap).

Entrando nel vivo delle peculiarità di questo raggiro, facciamo presente che si tratta di un atto criminale in cui un soggetto, privo di qualsiasi autorizzazione, effettua il porting di una scheda SIM su un altro dispositivo.

Gli attacchi SIM port dovrebbero, in teoria, essere evitati dal controllo da parte degli operatori delle compagnie telefoniche, che sono tenuti a verificare l’identità dei soggetti che chiedono la portabilità. Purtroppo non sempre succede così e sono tantissime le persone che hanno a che fare con il problema dei furti di soldi e di dati.

Per rendersi conto della situazione, è bene specificare che uno dei manager di BitGo, colosso che si occupa di asset digitali e sicurezza, ha visto sparire da un account su un Exchange l’equivalente di 100mila dollari in criptovalute.

Entrando nel vivo di quello che gli hacker fanno, è il caso di ricordare che, nel momento in cui mettono di fatto le mani sulla gestione del numero di telefono, possono accedere a una miriade di dati.

In questo novero è possibile includere i codici inviati via SMS per l’autenticazione a due fattori, misura di sicurezza essenziale per gli Exchange. Una volta entrati in possesso di questi dati, resettano la password, la cambiano e, di fatto, possono fare quello che vogliono con le criptovalute, arrivando, come specificato nelle righe precedenti, a rubare cifre anche ingenti.

Questo metodo permette di accedere anche ad altri profili, come per esempio quelli dei social, dove non sono presenti soldi ma dati sensibili sì. Come difendersi? Il modo migliore per farlo consiste nel differenziare i livelli di sicurezza, scegliendo per gli account Exchange un indirizzo mail da mantenere riservato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *