Allerta sugli stipendi: questi lavoratori li attendono da tempo

Nonostante la speranza dell’arrivo, in corrispondenza del Natale, di nuove risorse ministeriali, la situazione di cosiddetti supplenti Covid è tutto tranne che positiva per quanto riguarda gli stipendi.

La prima cosa da ricordare è che, in occasione dell’emissione dello scorso 18 gennaio, molti professionisti hanno avuto una brutta sorpresa relativa in particolare a una decurtazione. Purtroppo, come si può leggere sulle pagine di molti portali legati al mondo della scuola, sono tantissime le persone che attendono ancora di ricevere la propria busta paga.

Quando arriverà lo stipendio?

Viene quindi da chiedersi quando questi lavoratori, che come già detto hanno avuto a che fare in alcuni casi con una decurtazione, prenderanno lo stipendio. Prima di entrare nel vivo di questo aspetto, facciamo presente che, lo scorso 25 gennaio, è stata prevista un’emissione speciale.

A essere coinvolti sono stati tutti i titolari di contratti autorizzati dalla varie segreterie scolastiche e per i quali il sistema della Ragioneria dello Stato ha individuato la disponibilità di fondi economici.

Entrando nel vivo di quello che potrebbe succedere in futuro e che tantissimi docenti – molti dei quali hanno preso servizio dall’inizio dell’anno – aspettano, è opportuno sottolineare che, oggi come oggi, NoiPA non ha comunicato ufficialmente alcuna data relativa all’accredito.

Nonostante questo, si possono fare delle previsioni. Fondamentale è per esempio specificare che, nel caso in cui l’operazione di accredito dovesse essere gestita alla stregua di una normale emissione speciale, bisognerebbe aspettare, per riscontrare l’accredito, il decimo giorno successivo all’emissione.

In linea di massima, quindi, si parla dei primi dieci giorni di febbraio. Ovviamente la speranza è che si possa arrivare alla risoluzione della situazione di tanti professionisti che, a seguito della mancata abrogazione da parte del ministero dei fondi sui capitoli di spesa 1231/1, non si sono visti accreditare lo stipendio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *