Pensioni Febbraio 2021: allerta, ecco la novità

Anche per febbraio l’erogazione delle pensioni è stato anticipato agli ultimi giorni del mese di gennaio così da evitare quanto più possibile assembramenti, quindi da questo punto di vista non sono presenti sostanziali novità. Le sorprese potrebbero essere altre, sopratutto per alcune tipologie di pensionati che potrebbero rilevare un importo sensibilmente inferiore sul cedolino pensioni.

Importi più bassi?

Gli utenti del portale ufficiale dell’INPS possono fare un confronto diretto, una volta inseriti i propri dati ed aperto in cedolino relativo al mese di novembre e confrontandolo con quello degli altri mesi. Un importo più basso sul cedolino di febbraio è assolutamente normale a causa delle già programmate ritenute IRPEF che hanno già iniziato ad attivarsi nella prima parte del 2021 ma che in molti casi possono proseguire per i primi mesi dell’anno nuovo. A queste vanno ad aggiungersi ritenute comunali e regionali, come specificato dalla stessa INPS nelle settimane addietro:

“Laddove le trattenute siano state effettuate in misura inferiore rispetto a quanto dovuto su base annua, le differenze a debito saranno recuperate, come di consueto, sulle rate di pensione di gennaio e febbraio 2021. Nel solo caso di pensionati con importo annuo complessivo dei trattamenti pensionistici fino a 18mila euro, per i quali il ricalcolo dell’ IRPEF ha determinato un conguaglio a debito di importo superiore a 100 euro, la rateazione viene estesa fino alla mensilità di novembre (articolo 38, comma 7, legge 30 luglio 2010, n. 122)”. 

A questa “ritenuta” sono esenti le pensioni sociali e quelle di invalidità.

Quando arrivano

E’ già noto il calendario relativo alle pensioni di febbraio 2021, che verranno erogate secondo un ordine alfabetico relativo all’iniziale del cognome:

  • dalla A alla B: lunedì 25 gennaio
  • dalla C alla D: martedì 26 gennaio
  • dalla E alla K: mercoledì 27 gennaio
  • dalla L alla O: giovedì 28 gennaio
  • dalla P alla R: venerdì 29 gennaio
  • dalla S alla Z: sabato mattina 30 gennaio.

Chi utilizza il conto corrente, potrà utilizzare la pensione a partire dal 1° febbraio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *