Mille Lire di Giuseppe Verdi: perchè valgono così tanto?

Quando si parla di vecchie lire, esistono tantissimi pezzi che hanno fatto la storia. In questo elenco è possibile includere le mille lire di Giuseppe Verdi. Quanto valgono? Nelle prossime righe di questo articolo, rispondiamo assieme a questa domanda.

Mille lire di Giuseppe Verdi: ecco cosa sapere

Le mille lire di Giuseppe Verdi fanno parte di una serie di banconote introdotte con gradualità dalla Banca d’Italia dal 1962 al 2001, ultimo anno della lira. La loro novità consiste sia nel particolare pregio estetico, sia nell’inclusione nell’ambito di un elenco di altre banconote caratterizzate dalla presenza, su una delle facce, del ritratto di un italiano importante.

Entrando nel vivo dei loro numeri, facciamo presente che, nel 1962, sono stati immessi in circolo un milione di esemplari. Diverso è il caso dell’anno successivo, quando, invece, la tiratura è stata pari a 299 milioni. Complessivamente, si parla di oltre 871 milioni di banconote che, dagli anni ’60 all’inizio del terzo millennio, hanno portato nello nostre tasche il volto di uno dei più grandi compositori italiani. Quanto valgono queste banconote? Scopriamolo assieme nelle prossime righe!

Mille lire di Giuseppe Verdi: tutto sul loro valore

Come nel caso di tutte le altre banconote – e anche delle monete – il valore delle 1000 lire di Giuseppe Verdi varia a seconda dello stato di conservazione. Il massimo possibile è il fior di stampa, ossia una banconota perfetta priva di strappi o macchie. In questo frangente, le 1000 lire che ritraggono il compositore di capolavori immortali come l’Aida valgono attorno ai 1000 euro.

Diverso è il caso in cui, invece, lo stato di conservazione non è perfetto. In questo frangente, ci si aggira attorno a un valore compreso tra i 700 e gli 800 euro. Proseguendo con l’elenco delle situazioni possibili, è doveroso un cenno al caso della banconota conservata in maniera discreta. In questo caso, i collezionisti possono pagarla circa 500 euro.

Concludiamo rammentando che per trovare 1000 lire come questa è opportuno concentrarsi su siti verticali come Catawiki, portali gratuiti e semplicissimi da utilizzare che garantiscono una perizia da parte di esperti su ogni singolo pezzo.

E’ sempre utile ricordare comunque, che nel caso in cui troviamo in casa una banconota rara bisognerà sempre essere certi che si trovi in un ottimo stato di conservazione. Infatti, come detto poco sopra, se abbiamo una banconota utilizzata o che mostra dei segni particolari allora potrebbe certamente perdere il proprio valore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *