Monete rare da 1 euro: ecco le più pagate

Quando si parla di numismatica e di monete rare, è possibile chiamare in causa anche diversi pezzi da 1 euro che sono stati coniati nel corso degli oltre 20 anni di storia della moneta unica europea. Quali sono queste monete da 1 euro? Quanto valgono oggi? Nelle prossime righe di questo articolo, puoi trovare la risposta.

Monete da 1 euro che valgono una fortuna: quali sono?

Quando si discute delle monete da 1 euro rare che valgono una fortuna, un doveroso cenno deve essere dedicato ai pezzi coniati nel Principato di Monaco nel 2007 (stesso anno a cui risalgono i 2 euro commemorativi dedicati ai 25 anni della morte di Grace Kelly). Nel caso di queste monete da 1 euro, a renderle speciali è un errore di conio: come si può vedere dando un’occhiata alle facce, mancano i segni distintivi della Zecca monegasca.

Oggi come oggi, a 14 anni dalla loro immissione in circolo, queste monete valgono dai 300 ai 350. Facciamo altresì presente la loro rarità: di queste monete da 1 euro, sono infatti rimasti poco più di 2mila esemplari.

Si potrebbe andare avanti ancora molto a parlare delle monete da 1 euro rare. Doveroso a tal proposito è un cenno ai pezzi coniati ad Andorra tra il 2015 e il 2018. Come non citare poi le monete austriache risalenti al 2008? Non c’è che dire: le alternative non mancano.

Per quanto riguarda il valore, sono numerosi i fattori dei quali tenere conto. Oltre agli errori di conio – un altro esempio interessante da chiamare in causa è quello della moneta da 1 euro finlandese risalente al 1999 e caratterizzata da un valore che supera i 150 euro proprio per via di un errore di conio – va tenuto in conto lo stato di conservazione.

In questo frangente, il masssimo possibile è il fior di conio, ossia una moneta che praticamente non ha circolato. La situazione opposta, invece, è lo stato di conservazione discreto.

Concludiamo facendo presente che, nel momento in cui si punta a entrare nel mondo della numismatica e si ha intenzione di comprare o vendere monete da 1 euro da collezione, è bene fare riferimento a siti specializzati come Catawiki, portali gratuiti, facili da usare e con un team di periti che analizza ogni singolo pezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *