Pensione e pressione alta: puoi chiedere l’anticipo?

Il pensionamento anticipato è un concetto preso in considerazione nel nostro sistema pensionistico, per differenti motivazioni: la parziale o totale inabilità al lavoro causa malattia cronica può essere una di queste anche se è opportuna fare chiarezza e specificare quando una condizione come la pressione alta può effettivamente permettere il pensionamento anticipato.

Ipertensione vale l’invalidità?

Dipende da numerosi fattori, visto che una condizione cronica non comporta di per se qualche agevolazione particolare a meno che non venga riconosciuta come invalidità vera e propria. La pressione alta è una connotazione ampia che a seconda della tipologia e gravità può rientrare in una di queste categorie:

  • ipertensione arteriosa non complicata: 10%;
  • ipertensione arteriosa non complicata non controllata dalla terapia medica: dall’11% al 20%;
  • ipertensione arteriosa con iniziale impegno cardiaco: dal 21 al 30%;
  • cardiopatia ipertensiva con impegno cardiaco di grado medio: dal 31 al 50%;
  • cardiopatia ipertensiva con impegno cardiaco di grado medio-severo: dal 51% al 70%;
  • cardiopatia ipertensiva con impegno cardiaco di grado severo: dal 71% all’80%;
  • cardiopatia ipertensiva scompensata: dall’81 al 100%.

Qualora il richiedente riesca a dimostrare di rientrare in uno stato di invalidità superiore al 74 % può utilizzare il prepensionamento definito Ape Sociale, a patto di avere almeno 63 anni di età e 30 di contributi versati.

Esiste anche un’altra possibilità per richiedere il pensionamento anticipato qualora il richiedente sia in possesso di un grado di invalidità pari o superiore dell’80 %: in questo caso l’età minima per fare richiesta è di 56 anni per le donne e 61 per gli uomini e 20 anni di contributi, che diventano 15 per chi sia beneficiario delle deroghe Amato.

Nei casi in cui il richiedente riesca a dimostrare uno stato del 100 % di invalidità, può ottenere il pensionamento anticipato con almeno 5 anni di contributi e 3 versati negli ultimi 5 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *