Hai una moneta con questa scritta? Controlla e diventi ricco

Le monete rare fanno sempre più parlare in questo periodo e soprattutto in un momento di grande incertezza finanziaria ed economica potrebbero diventare una grande salvezza per chiunque dovesse averne una in casa. E’ risaputo infatti che possono esistere delle monete che al giorno d’oggi hanno raggiunto quotazioni e valori veramente alte. Oggi, in particolare, andiamo a parlare di alcune particolari monete che hanno delle scritte su uno dei due lati.

Nello specifico stiamo parlando di quel gruppo di monete sulle quali possiamo trovare la scritta “prova”. Se doveste averne una in casa oggi potreste diventare veramente ricchi. Infatti quando alcune monete venivano emesse magari in forme ed edizioni speciali, spesso le prime risultavano avere una scritta di prova. Oggi queste sono praticamente le più ricercate.

Ma andiamo adesso a vedere un esempio di monete con la scritta prova. Stiamo infatti parlando più nello specifico delle 500 Lire Caravelle. Queste infatti sono diventate veramente rarissime dopo che è stato scoperto che in giro ci sono quelle “sbagliate”. Esse infatti da un lato hanno il disegno delle tre caravelle, e fino a qui è tutto corretto: la rarità nasce però da due importanti fattori. Vediamo insieme quali sono.

Rarità delle 500 Lire Caravelle

Come abbiamo appena scritto le 500 Lire Caravelle sono diventate rare grazie a due incredibili fattori o segni, se preferite chiamarli così. Il primo riguarda appunto l’immagine delle Caravelle. Queste infatti nella versione originale sono rivolte verso la destra, ovvero nel lato giusto verso dove stanno navigando. Vi sono invece delle particolari monete dove le vele sono rivolte a sinistra, dal lato opposto dunque. E’ stato un evidente errore di stampa e per questo motivo hanno preso un elevato valore.

L’altro particolare che non è sfuggito ai collezionisti è dato dal fatto che su una parte di queste 500 Lire rare vi è una scritta “prova” che per errore è stata messa in circolazione. Si parla che ne siano state distribuite poco più di mille e per questo motivo, oggi, possono valere migliaia e migliaia di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *