Guadagnare con le monete rare: verità o falso mito?

Guadagnare con le monete rare è veramente una cosa possibile? Questa domanda sorge spontanea nella testa di quanti quotidianamente leggono i nostri articoli. Spesso infatti vengono anche letti probabilmente in maniera errata e le persone non capiscono se realmente è vero che si possano fare soldi grazie alle monete rare. E’ giusto dunque precisare ciò che è la realtà e far capire cosa significa, intanto, leggere un articolo che parla di collezionismo numismatica.

Quotidianamente sul nostro sito web parliamo di monete e banconote, ma anche di altri oggetti rari, che possono valere veramente tantissimi soldi. Non si tratta assolutamente di notizie false, anzi, c’è da dire che ogni giorno vengono pubblicati annunci di monete in vendita o di ricerca di tali pezzi rari. Ciò che invece si deve capire è il fatto che il valore di una moneta dipende anche dal suo stato di conservazione.

Quando infatti viene scritto all’interno di un articolo che una moneta vale 20.000 euro è giusto considerare anche il suo stato. Questo valore è infatti riferito sempre al pezzo che non presenta macchie, segni e che comunque è stato utilizzato pochissimo. Abbiamo infatti ricevuto una lettera scritta da un nostro lettore che sottolineava come, nonostante avesse presentato una moneta rara ad un collezionista, non gli fosse stata valutata per quanto era stato scritto.

“Ero andato felicissimo da un numismatico della mia città convinto di poter fare 10.000 euro facili”. Così inizia la sua lettera. “Dopo aver mostrato la mia moneta da 10 Lire mi sono reso conto però del fatto che, in effetti, non era in perfetto stato”. Proprio per questo motivo in quel caso invece dei 10.000 euro gli sono stati proposti 6.000 euro, ben 4 in meno del suo reale valore. Come detto poche righe più sopra, dunque, dobbiamo chiaramente fare attenzione alle nostre monete rare ed assicurarci del fatto che siano perfette e non abbiano dei segni o delle macchie di sopra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *