Inizia a cercare i cavalli sui 20 centesimi: ecco il motivo!

Continua anche in questo articolo ad arricchirsi la nostra rubrica dedicata al collezionismo ed al mondo della numismatica che non smette mai di stupirci. Abbiamo infatti visto quelle che sono le monete rare che potremmo avere in casa ma non finisce qui: vi sono in circolazione anche i venti centesimi con i cavalli. Si tratta infatti di una delle tante edizioni speciali che sono state emesse nel corso degli anni e che, secondo gli esperti, possono iniziare ad aumentare il proprio valore nel giro di poco tempo.

venti centesimi con i cavalli hanno tre diverse edizioni. Sono stati infatti emessi nel 2007, nel 2008 e nel 2009 e la Zecca di Stato ad emetterli era quella slovena. Al centro della moneta infatti troviamo una coppia di cavalli “Lippizanere”, una delle razze più importanti. Dopo di che abbiamo il millesimo di conio che si trova tra la quinta e la quinta stella mentre sul bordo esterno vi sono le cinque punte dell’Unione Europea che vengono intervallate dalla scritta “SLOVENIJA”.

Le differenze tra le tre edizioni sono il fatto che nel 2007 il segno identificativo era a destra della sesta stella, nel 2008 invece vi è il simbolo della zecca olandese ed il veliero mentre nel 2009 non vi è nessun segno particolare. Il materiale utilizzato è stato l’oro nordico che è composto per l’89% dal rame, 5% alluminio e zinco, ed infine per l’1% dallo stagno. Il diametro dei venti centesimi con i cavalli è di 22,25mm mentre lo spessore è di 2,14 millimetri. Infine, il peso è di 5,74 grammi.

Ma la cosa importante è che i venti centesimi con i cavalli sono stati emessi qualche anno fa anche in Italia dalla Zecca di Roma. E’ successo tra il 2018 ed il 2019 e sono molti meno pezzi di quelli distribuiti in Slovenia nel 2007. Proprio questo sarebbe il motivo per il quale alcuni esperti di numismatica sottolineano che questa moneta potrebbe iniziare ad aumentare il proprio valore. Attualmente, infatti, viene rivenduta per pochi euro, ma in pochi anni potrebbe senza dubbio arrivare addirittura a superare i 500 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *