La moneta che oggi vale 15 mila euro: ecco qual è

Le monete rare sono praticamente all’ordine del giorno sul nostro sito web e per questo motivo abbiamo deciso di continuare a parlarne anche in questo articolo. Come abbiamo più volte sottolineato infatti vi sono delle vecchie monete che con il passare degli anni sono riuscite ad incrementare il proprio valore. Il motivo è semplice: sono state emesse in maniera sbagliata. Stiamo infatti parlando di quello che probabilmente è l’errore di conio più famoso in tutta Italia. Avere questa moneta in casa ci farebbe sicuramente svoltare.

Ma cosa è un errore di conio? Se la tua domanda in questo momento è proprio questa, lo spieghiamo immediatamente nelle prossime righe. Si tratta di un errore che viene commesso in fase di “stampa”. Il motivo è dato da errori assolutamente casuali che però donano a quelle monete un valore incredibile. Con molta probabilità la Zecca di Stato nemmeno si accorge di questi errori nel momento in cui vengono emesse ma, ovviamente, appena questi pezzi rari finiscono nelle mani dei cittadini diventano subito importanti.

Andiamo dunque a vedere qual è l’errore di conio, o meglio la moneta rara che vale 15 mila euro. Stiamo parlando infatti delle 500 Lire Caravelle. Questa moneta presenta un pazzesco errore di conio, ovvero l’immagine stampata sul retro è invertita. Il loro valore infatti è di circa 15 mila euro. Molti sono i collezionisti che cercano di avere questa moneta rara all’interno del proprio portfolio e per questo motivo potrebbero sborsare veramente tantissimi soldi.

Ma attenzione, come ripetiamo sempre bisogna anche fare caso allo stato di conservazione di questa moneta. Infatti se dovesse avere qualche macchia o anche dei possibili segni di utilizzo potrebbe perdere tantissimo valore. Per questo motivo, infatti, alcune persone hanno trovato le 500 Lire Caravelle in casa ma hanno ricevuto offerte per soli 100 euro perchè erano molto vecchie e si vedevano troppi segni di utilizzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *