Perché questi due euro valgono 1600 euro? La risposta è sorprendente

Il mondo del collezionismo è sempre molto sorprendente ed in questo articolo parliamo di una moneta da due euro che vale addirittura 1600 euro. Quando gli stati dell’Unione Europea hanno firmato il proprio accesso all’Euro è stato permesso loro di modificare a piacimento una delle due facciate di ogni moneta. Per questo motivo uscendo dai confini dell’Italia troveremo monete estere differenti dalle nostre. Mentre noi abbiamo, ad esempio, l’Uomo Vitruviano, in altri stati possiamo trovare altre opere d’arte.

E’ il caso dei due euro della Grecia. In questo caso stiamo parlando, oltre che di una moneta rara, anche di un errore di conio. Questo pezzo è stato emesso nel 2002 ed ha portato non pochi problemi alla Zecca di stato greca. Infatti si sono dovuti muovere per farsi addirittura aiutare da altre Zecche estere per poter rientrare nei tempi di consegna. La Grecia, ai tempi, era molto indietro da questo punto di vista e rischiava di non poter garantire il numero minimo di monete da due euro all’interno del proprio stato.

A questo punto sono state coniate due tipologie di monete da due euro in Grecia. Una parte arrivava dalla Zecca di Halandri ed una parte, invece dalla Zecca di Vantaa. Le due monete, seppur sempre da 2 euro, differivano tra di loro. Su di una infatti vi era la “S” al centro delle stelle mentre sulle altre non si trovava alcuna lettera.

Proprio questo è il motivo per il quale oggi la moneta da due euro della Grecia può valere tantissimi soldi. Vi sono alcuni esperti che sottolineano come possa addirittura arrivare a ben 1600 euro. Chiaramente abbiamo sempre bisogno di una moneta in condizioni perfette. Nel caso in cui, infatti, il vostro pezzo presenti delle imperfezioni non avrà certamente il valore sopra elencato e non vi permetterà di guadagnare tanti soldi. Molte sono infatti le persone che per errore non conservano in luoghi sicuri le monete rare e per questo motivo restano insoddisfatti al momento della vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *