Nessuno lo dice, ma ecco quanto vale l’argento 925: pazzesco

L’argento condivide con l’oro una certa “notorietà” nell’ambito economico, ma anche in quello legato alla gioielleria, oltre che nell’utilizzo pratico:  l’elemento chimico che nella tavola periodica è riconoscibile dalla sigla Ag rappresenta la ricchezza e la purezza assieme al biondo metallo, anche se rispetto a quest’ultimo il valore “economico” risulta essere molto più ridotto ma non per questo meno rilevante.

Utilizzi e diffusione

Oltre la metà dell’argento lavorato oggi viene destinato alle industrie ed a vari settori: risulta infatti indispensabile per la creazione dei pannelli solari, nell’arte grafica e della radiologia, oltre che nella medicina, anche in virtù di una non tossicità riconosciuta. Le doti di duttilità, resistenza e lucentezza rendono l’argento estremamente utile e dall’utilizzo variegato anche nell’elettronica, date le riconosciute eccellenti doti di conducibilità.

Una buona parte dell’argento “puro” (definito 999/1000) viene comunque utilizzato come bene economico vero e proprio, solitamente in lingotti, proprio come l’oro.

Nessuno lo dice, ma ecco quanto vale l’argento 925: pazzesco

L’argento 925 è solitamente utilizzato per la creazione di gioielli e monili di pregio: con questo termine si fa riferimento al metallo composto da 925 parti di argento e 75 massime di altro metallo, generalmente il rame. La motivazione di questo “legame” è pratica, in  quanto allo stato puro risulta essere eccessivamente duttile e tenero per essere lavorato. L’apporto di rame garantisce agli oggetti realizzati con questa lega una migliore durabilità nel corso del tempo. Questa specifica tipologia di purezza viene definita Argento Sterling o Argento Sterlina.

La valutazione dell’argento 925 è strettamente legata a quella dell’argento economico, di cui abbiamo citato poc’anzi: ogni “pezzo” realizzato con questa lega deve recare obbligatoriamente la dicitura 925 all’interno di in un ovale. Ad oggi l’argento 925 è quotato approssimativamente a 50 centesimi al grammo, pari a 500 euro al chilo. Il valore viene determinato anche da quello di altri metalli preziosi come per l’appunto l’oro, trattandosi di un riconosciuto “bene rifugio”.

argento 800 usato 925

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.