Pensione la novità sorprende tutti: ecco cosa sta cambiando

Non ci crederai mai, la novità sulle pensioni sorprende tutti, ecco cosa sta cambiando. Nella giornata del 7 aprile, i sindacati hanno chiesto al governo di discutere in materia di pensioni: sia per quelle anticipate sia per la prossima riforma per l’ anno 2023.

Intanto prima dell’incontro, una nuova richiesta arriva dall’ AnpCia (Associazione Nazionale Pensionati-Confederazione Italiana Agricoltori), si tratta dell’aumento delle pensioni minime per coloro che percepiscono assegni  bassi, come  ad esempio molti ex agricoltori che ricevono su per giù meno di 500 euro al mese.

Aumento pensione minima: ecco la novità

Il presidente dall’Anp-Cia pugliese Franco Tinelli è stato chiaro e chiede a tutti costi  una riforma delle pensioni che permetta ai pensionati di vivere in modo degno, oggi alcuni arrivano alla soglia di povertà. Stando ai dati, in Puglia ci sono circa 20mila agricoltori pensionati.

  • il 43 per cento percepisce la pensione minima: quindi 500 euro al mese;
  • il 34 per cento invece percepisce un assegno mensile di 750 euro;
  • Solo il 17 per cento percepisce un’indennità pensionistica pari a 1000 euro al mese.

pensione

Pensate che L’indice ISTAT prevede un importo minimo mensile di 526 euro per vivere, ma non è solo una questione della Puglia, anche la Campania è in pessime condizioni. Se si vuol pensare a molti lavoratori in nero che percepiscono purtroppo solo la minima e vivono di stenti. Oggi il 44 per cento dei pensionati vice in semi povertà, il 12% non riesce a sostenere le spese della casa e del cibo in poche parole, una tragedia.

Le pensioni attuali secondo l’Istat

Ecco gli importi delle pensioni attuali:

  • il nuovo importo della pensione minima pari a  523,83 euro mensili
  • l’assegno sociale ammonta a 468,10 euro mensili (6.085,43 euro annui).
  • Per gli invalidi civili e i sordomuti la pensione mensile è di 291,69 euro mensili.
  • Per i ciechi l’importo è pari a 215,35 euro mensili se parziali, e 315,45 euro se totali.

L’ANP CIA si batte per garantire  a tutti pensioni dignitose,  per garantire ai lavoratori un futuro migliore e dignitoso, pari agli anni svolti di lavoro.

Per equiparare  la situazione, si dovrebbe arrivare progressivamente ai minimi pensionistici al 40% del reddito medio nazionale, per un totale di 650 euro, come previsto dalla Carta Sociale Europea.  Sembra non essere molto, ma è comunque un traguardo.

La legge Fornero da Gennaio 2023

Se non si interviene in tempo sulle pensioni, da gennaio 2023 entreranno in vigore le regole della legge Fornero, messa da parte per ora perché applicato il sistema delle “quote”, ecco in cosa consiste.
La Prima Quota 100  prevedeva l’uscita a 62 anni con 38 di contributi dal 2019 al 2021, per volere di Lega e M5s. Poi Quota 102 con l’arrivo in pensione a 64 anni e 38 di contributi  nel 2022, quest’ultima termina a dicembre di quest’anno.
Da gennaio dell’anno prossimo, con la legge Fornero,  si andrà  in pensione di vecchiaia a 67 anni oppure con 42 anni e 10 mesi di contributi, senza limite di età, per le donne invece sarà un anno prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.