Cambio euro-dollaro mai visto prima: cosa sta succedendo?

Con le economie assolutamente interlacciate, i tassi di cambio più comuni sono sempre più importanti. Per tasso di cambio si fa riferimento ad una quantità di unità di moneta estera che può essere acquistate con un’unità di moneta nazionale e viene influenzata da numerosi fattori, sia relativi alla situazione economica dei paesi che utilizzano quella valuta ma anche del rapporto degli stessi gli uni con gli altri.

Cambio euro-dollaro mai visto prima: cosa sta succedendo?

Uno dei tassi di cambio più importanti nell’intero scacchiere internazionale è sicuramente quello euro dollaro, che risulta essere il tasso di cambio più utilizzato e quindi più incidenti in assoluto. In pratica indica il tasso di cambio dell’euro espresso in dollari statunitensi, Attualmente il valore risulta essere tra i più bassi degli ultimi periodi, ossia di 1,08, 1.08116 nello specifico.

Cosa significa ciò? Se il valore si abbassa, ciò va a vantaggio del dollaro, perchè indica la possibilità di acquistare ad un importo inferiore rispetto al passato l’equivalente di 1 dollaro statunitense, pagandolo “solo” 1,08 dollari. Ecco perchè le testate che si occupano di finanza hanno rilevato una caduta dell’euro rispetto al dollaro, tornando su livelli che non risultavano evidenti negli ultimi due anni.

Ciò è dovuto indubbiamente a vari fattori, uno su tutti, quello riguardante la situazione in Ucraina: molti stati europei pur accettando di far “fronte comune” nei confronti della Russia dopo l’attacco militare, non sono ancora totalmente indipendenti dal punto di vista energetico, come la Germania ed anche l’Italia, mentre gli Stati Uniti hanno sicuramente più spazio di manovra in tal senso. Il presidente americano Joe Biden ha provveduto fin da subito a riallacciare rapporti anche di natura commerciale per aiutare i propri alleati oltreoceano così da supportare anche dal punto di vista energetico, seppur parzialmente le nazioni che sono ancora dipendenti dal gas e petrolio russo. C’è ovviamente alle spalle un discorso molto complesso in ambito finanziario, ma la situazione dovrebbe e potrebbe ritornare sui livelli “pre bellici” solo con una parziale situazione di calma in Ucraina.

euro dollaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.