Attenzione quando pagate con il POS: ecco cosa può accadere

Il contesto dei pagamenti è in forte “transazione” concettuale ma anche tecnica: i già esistenti e conosciuti sistemi di pagamento elettronici sono infatti sempre più diffusi a causa di due motivazioni principali: il miglioramento e la maggiore affidabilità delle tecnologie, sopratutto quelle “portatili” e la volontà da parte dei governi di ridurre il numero e l’utilizzo di denaro contante circolante ha sostanzialmente creato “terreno fertile” per i pagamenti digitali. In questo contesto il ruolo del POS utilizzato per effettuarli è sempre più importante.

Il POS di pagamento (in inglese POS sta per Point Of Sale, punto di vendita) è il terminale che fa da “tramite” tra il conto, sintetizzato dalla tessera e l’esercente. Nel corso dei decenni i POS hanno subito varie tipologie di evoluzioni, una delle più importanti è indubbiamente il sistema contactless, concepito per velocizzare i piccoli e medi trasferimenti di denaro che possono essere eseguiti senza fisicamente inserire la tessera nel terminale, aggirando anche l’inserimento del PIN. Si tratta di una tecnologia oramai molto diffusa e presente su quasi ogni forma di carta e bancomat.

Attenzione quando pagate con il POS: ecco cosa può accadere

Tuttavia come tutte le tecnologie di larga diffusione, presenta delle quasi inevitabili criticità relativo al meccanismo stesso: da qualche tempo infatti i POS risultano essere più piccoli rispetto al passato, e non sempre operanti tramite un sistema di cavi. In sostanza, il POS oggi può essere anche molto piccolo e senza fili, quindi può essere opportunamente celato da parte dei malintenzionati.

In contesti affollati come può essere un pub o una discoteca, sono stati già in molti a “sperimentare” sulla loro “pelle” un problema che sta diffondendosi: i malintenzionati infatti, sfruttando la tecnologia contactless, avvicinano di nascosto un POS portatile a portafogli e borse, così da “rubare” importi di piccole e medie dimensioni.

Esistono due metodi per evitare che ciò avvenga: oltre a “fare attenzione”, anche utilizzare un portafogli o portatessere dotati di opportuna schermatura RFID è indubbiamente utile. Altro consiglio risulta quello di associare la propria carta alla specifica app bancaria e di abilitare le notifiche immediate quando vi è una transazione così da scoprirlo immediatamente.

POS attenzione pos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.