Se ti arrivano queste bollette non pagarle: ecco il motivo assurdo

Indispensabili ma inevitabilmente “una spina nel fianco” sono le bollette che sono ritornate in auge nell’immaginario comune con frequenza in questi primi mesi del 2022, sopratutto a causa dei rincari che hanno condizionato il normale “rapporto” tra fornitore energetico e cittadino. Diversi mesi prima della guerra in Ucraina, che ha modificato in modo probabilmente definitivo gli equilibri economici legati alle risorse fondamentali come petrolio e gas naturale, la situazione bollette era apparsa già problematica.

ARERA, l’organo amministrativo che provvede a monitorare i consumi e tutte le informazioni relative, ha ravvisato aumenti anche superiori al 50 % rispetto al primo trimestre dell’anno precedente.

Se ti arrivano queste bollette non pagarle: ecco il motivo assurdo

In generale le bollette vanno molto semplicemente pagate prima della scadenza, altrimenti oltre a concretizzarsi il “distacco” della fornitura, solitamente dietro solleciti preventivi, sono soliti manifestarsi altri effetti negativi. Tuttavia in alcuni casi le bollette che arrivano non vanno pagate. Quali sono questi casi?

Bisogna tenere a mente il concetto di prescrizione, una sorta di termine ultimo temporale che è stabilito dallo stato e che di fatto fa perdere il diritto di reclamare un pagamento di una fattura da parte del fornitore se questo termine viene superato. In parole povere, ogni tipologia di bolletta ha una “scadenza”, che cambia a seconda della data di emissione.

Nel dettaglio:

  • Le bollette della luce emesse fino al 2 marzo 2018, la prescrizione è  di 5 anni, per le stesse emesse dal 3 marzo 2018 in poi, la prescrizione è di 2 anni.
  • Le fatture del  gas emesse fino al 1° gennaio 2019 si prescrivono ancora oggi in 5 anni, a partire dal 2° gennaio del 2019 è di 2 anni.
  • Le bollette dell’acqua emesse fino al 1° gennaio 2020 si prescrivono ancora oggi in 5 anni, a partire dal 2° gennaio dello stesso anno anche in questo caso il termine è ridotto a 2 anni.

Quelle del telefono hanno una prescrizione di 5 anni indifferentemente dalla data di emissione. La prescrizione si applica nella stessa maniera anche per i conguagli.

pagare bollette luce gas