“Non devi pagare queste bollette!”: pazzesco, ecco quali e perché

Attenzione a queste bollette, non le devi assolutamente pagare, ecco perché.


Leggi anche:
Loading RSS Feed

La crisi energetica attuale e il conseguente rincaro bollette hanno fatto sì che tornasse di nuovo questo chiacchierato argomento.

“Non pagare mai queste bollette!”: a quali fare attenzione

Luce, gas ed acqua sono una necessità e non si può non pagare per usufruire di questo servizio. Prima si pagavano solo in cartaceo e spesso in contanti, ora si pagano anche online tramite siti o Paypal ed esiste anche la bolletta web. Ovviamente sono servizi accessibili a chi usa bene la tecnologia, altrimenti si hanno problemi.

Purtroppo tra le tante compagnie, c’è spesso qualche “furbetto”.

Il digitale permette di avere tutto conservato a livello di bollette, ma bisognerebbe conservare anche le ricevute di pagamento.

Quasi tutti comunque conservano ancora le vecchie bollette pagate in qualche mobile ed è veramente giusto farlo.  Ma fino a quando conviene conservarle? Ecco la risposta.

Ecco fino a quando conservare le bollette

Il sistema giuridico italiano aggiorna a cadenza regolare il termine della prescrizione applicata alle forniture. Esiste quindi un limite temporale per conservare, anche le bollette non pagate.

Gli ultimi cambiamenti risalgono alla legge di bilancio del 2018, la quale ha ridotto tra da 5 a 2 anni il termine di prescrizione. Solo per quanto riguarda le fatture emesse dopo il 2 marzo 2018 vale questa legge della prescrizione di 2 anni. Mentre quelle erogate precedentemente vanno in prescrizione dopo 5 anni dalla scadenza perché vale la legge di prima.

Per quanto riguarda acqua e gas,  i termini di prescrizione di 5 anni sono applicati fino alle fatture risalenti al 1° gennaio 2019, per quelle successive vale la stessa cosa.

Ricapitolando, se hai qualche bolletta che risale a queste date e te ne sei accorto da poco, fai attenzione perché potresti risparmiarti un bel po’ di soldi. Ovviamente solo se non te le hanno mai contestate, perché se l’azienda ti ha già richiesto soldi, purtroppo devi ridarli indietro per evitare azioni legali.