Prelievi bloccati da questa data: cosa sta succedendo?

I prelievi saranno bloccati nel prossimo futuro? Quello che sta succedendo nel mondo dei Bancomat preoccupa tutti i consumatori. Non parliamo di un vero e proprio blocco immediato ma di una serie di tendenze che potrebbero portare a maggiori difficoltà legate a prelevare il proprio denaro dagli sportelli automatici.

Le immagini che si vedono alcune volte in televisione con le persone in file ai bancomat o alle banche, in zone di guerra o dove la crisi economica è forte, non possono lasciare indifferenti. E considerato l’autunno difficile che ci si prospetta dal punto di vista energetico, una serie di timori possono essere giustificati. Ma al momento non si prevede un blocco. C’è però una data da tenere a mente.

Cosa accadrà ai prelievi al Bancomat?

Il 31 Ottobre 2022 l’Antitrust deciderà del destino della commissione interbancaria. Parliamo di quella odiosa tassa che attualmente è per quasi tutti di circa 2 euro, e che si paga quando si preleva da una banca diversa dalla propria. Bancomat e alcuni istituti di credito hanno chiesto di spostare l’addebito della commissione da banca a banca direttamente all’utente finale. Così potremmo pagare noi direttamente la commissione alla banca dalla quale preleviamo, e non alla nostra.

Questo spostamento eliminerebbe i costi di gestione della commissione interbancaria. Quelli che oggi portano l’importo dai 50 centesimi massimi imposti alle banche dall’Antitrust ai 2 Euro che paghiamo. Sarebbe un bel risparmio, se non fosse che per mantenere buona parte degli introiti Bancomat e le banche hanno chiesto l’aumento dell’imponibile fino a 1.50 Euro.

Sarà più difficile prelevare?

Non sarà più difficile prelevare, ma è tutto da verificare se la novità – qualora venisse autorizzata – comporterà un risparmio o un aumento dei costi. In questo secondo caso, sarebbero molte le persone che potrebbero rinunciare a prelevare contante. Una tendenza, quella della diminuzione delle operazioni di prelievo, che può essere verificata anche dalla progressiva sparizione dei Bancomat.

Sono infatti numerose le zone del nostro paese, e in particolare i piccoli comuni, dove il servizio bancario è del tutto sparito. Ciò obbliga le persone già oggi a fare diversi chilometri per prelevare il proprio denaro. Uno sforzo che non sempre vale la pena, ora che è stato istituito l’obbligo dell’utilizzo del POS per tutti i commercianti. Come forse si intuisce, le politiche governative e le richieste delle banche sembrano convergere verso l’utilizzo delle carte e la progressiva riduzione dell’uso del contante. Sarà questo che in futuro porterà di fatto allo stop di tutti i prelievi?

limiti bancomat commissioni