Oppo “bandita” da una nazione europea: ecco quale e perchè

Il mercato globale della telefonia è oramai fortemente legato alla Cina, in quanto dall’inizio del 21° secolo il popoloso paese asiatico si è avventurato in una profonda restaurazione del comparto di realizzazione dei cellulari prima e degli smartphone poi. Brand come Oneplus, poi Xiaomi ed Oppo sono divenute realtà in pochi anni grazie a prodotti di buona qualità e soprattutto con prezzi aggressivi, al punto che la concorrenza rappresenta in primis da Apple e Samsung ha dovuto per forza di cose affrontare questa nuova “pericolosa concorrenza”.

Oppo “bandita” da una nazione europea: ecco quale e perchè

Oppo in particolare ha ampliato il proprio comparto di prodotti sviluppando gradualmente un proprio ecosistema condiviso da molti dispositivi, ed essendo non così legato al governo cinese non è stato soggetto al famoso “ban” di Huawei che ha colpito il brand negli anni passati. Eppure anche Oppo dovrà rinunciare almeno per il momento ad un importante mercato come la Germania, avendo perso una causa legale contro Nokia in una complessa questione brevetti.

La questione è legata all’utilizzo di alcuni brevetti legati alla tecnologia 5G, e questo ha comportato, a distanza di anni dalla richiesta del produttore finalndese l’impossibilità di vendere sul suolo tedesco gli smartphone Oppo e OnePlus (Realme così come Vivo, che fanno parte della “famiglia” di Oppo finora risultano essere esente da questa forma di “ban” ma la situaizone può cambiare nelle prossime settimane). Nessun problema per qualsiasi altra forma di dispositivo come gli auricolari, ad esempio.

I prodotti già venduti continueranno a funzionare ed essere supportati, ma già da ora il sito tedesco di Oppo, così come quello di OnePlus che condividono buona parte delle tecnologie hardware pur funzionando, non fanno riferimento alla vendita degli smartphone. Gli smartphone già venduti continueranno a ricevere gli aggiornamenti, come ha specificato lo staff dei produttori.

Chi sceglierà di acquistare uno smartphone di questi brand dalla Germania dovrà per forza fare ricorso a negozi di terze parti.

Oppo