Mangiare germogli di soia crudi: ecco le conseguenze sul nostro organismo

I germogli di soia costituiscono una normalità di tipo millenaria per le popolazioni asiatiche, ed a partire dal 20° secolo ha trovato una enorme diffusione anche nel resto del mondo, in particolar modo grazie alla diffusione della cucina etnica. Si tratta di un componente della gastronomia che ed è il prodotto della germinazione dei semi di soia.


Leggi anche:
Loading RSS Feed

Originario di tutta l’Asia orientale, quindi Corea, Thailandia, Cina e Giappone, ha trovato una grande caratterizzazione anche nell’ambito delle cucine “moderne” in quanto la soia è un elemento estremamente duttile in cucina e che si presta bene a quasi ogni preparazione possibile. Anticamente sono stati inclusi anche nella medicina tradizionale cinese.

Mangiare germogli di soia crudi: ecco le conseguenze sul nostro organismo

I germogli di soia sono considerabili salutari perchè contengono meno di 50 calorie per 100 grammi, uno dei valori più ridotto di tutto il mondo del vegetali commestibili. Sono composti per oltre l’85 % di acqua, offrono un ottimo apporto di nutrienti come proteine, olio e vitamina C. Ottimo anche l’apporto di fibre, mentre i grassi costituiscono poco più dell’1 % del peso specifico dei germogli di soia.

Considerabili come alimenti estremamente duttili e variegati, sono ottimi come condimento ma anche come piatto principale (è piuttosto facili trovarli anche nelle preparazioni casalinghe “fai da te”, quando si prendono in considerazione ricette asiatiche).

Sono decisamente ipocalorici perchè dotati di una buona capacità saziante e questo ha un effetto importante anche sull’organismo, a prescindere dal tipo di cottura.

Tuttavia non vanno assolutamente consumati crudi in quanto contengono fitati, sostanze che rendono l’alimento poco digeribile, causando anche un cattivo assorbimento di sostanze come vitamine, proteine e sali minerali. I fitati sono resi “inoffensivi” con una qualsiasi forma di cottura.

Consumare germogli di soia crudi causa difficoltà all’apparato digestivo e gastrico, e può sviluppare problemi legati al corretto funzionamento della tiroide, oltre a sviluppare incapacità ad evacuare correttamente.

germogli soia