Trova questa banconota da 5 euro e guadagni 1500 € – FOTO

La carta moneta è globalmente definibile come ricchezza economica da praticamente ogni nazione del mondo, e che a partire dal 19° secolo in poi ha gradualmente sostituito le monete metalliche, pur molto utilizzate.


Leggi anche:
Loading RSS Feed

Oggi statisticamente utilizziamo meno banconote rispetto a qualche decennio fa, a causa principalmente della progressiva diffusione delle varie forme di moneta elettronica, ma la banconota resta un elemento imprescindibile sotto ogni punto di vista, anche nel contesto europeo, rinnovatosi con le varie emissioni comunitarie. Tra le forme di banconota più comuni spiccano quelle di piccolo taglio come la 5 euro che in alcuni esemplari particolari può valere molto di più dl valore nominale.

Trova questa banconota da 5 euro e guadagni 1500 € – FOTO

La banconota da 5 euro è quella che fin dal 2002 presenta il valore facciale più basso, e viene quindi utilizzata per le piccole e medie spese. Presenta rappresentazioni “generiche” architettoniche di tipo classico, ed è stata la prima emissione a venire “aggiornata” nella serie Europa, la forma di carta moneta comunitaria che a partire dallo scorso decennio ha gradualmente sostituito la prima serie.

Gli esemplari più interessanti sono ovviamente qulli “tenuti meglio” in particolare le banconote con i numeri di serie particolari, ad esempio composti da poche varietà di cifre. Interessanti anche le banconote radar, vale a dire quelle che presentano un seriale che è identico a partire dalla metà in poi (es. S123454321).

Ancora più rare sono le banconote Specimen, vale a dire quelle non destinate alla circolazione, concepite invece per essere donate a personalità politiche di stampo internazionale, e per questo motivo rese riconoscibili dalla scritta presente su tutti e due i lati, Specimen per l’appunto.

Il valore per queste rarissime banconote è molto elevato, ma è comunque determinato dalla condizione dell’esemplare. Una banconota da 5 euro Specimen difficilmente vale meno di 400 euro, una in buono stato supera i 650 euro  mentre una in fior di stampa può far guadagnare fino a 1500 euro.