Assegno unico, la novità che nessuno si aspettava: non si può…

Ogni governo che guadagna la “poltrona” ha la facoltà di imprimere una netta “impronta” in merito alle varie forme di bonus, agevolazioni e simili sia per gestire le risorse secondo le necessità del momento ma anche per imprimere una forte impronta politica in tal senso. L’Assegno Unico, assieme ad altre forme di sostentamento, fa parte delle forme di agevolazione economica che è stata rivalutata per il 2023.


Leggi anche:
Loading RSS Feed

Assegno unico, la novità che nessuno si aspettava: non si può…

L’Assegno Unico a partire dal mese di marzo 2022 ha di fatto preso il posto delle varie forme di assegni familiari concepiti per la cura dei figli, oltre che di tutti i bonus legati alla natalità ed alla maternità. Si tratta di un importo che viene pagato direttamente attraverso un bonifico e non più attraverso la busta paga.

Il governo Meloni sembra essere intenzionato ad aumentare questi importi attraverso una riforma specifica ma diversi “rumors” sono già emersi.

Secondo le indiscrezioni infatti l’importo minimo, spettante ai nuclei familiari sopra i 40 mila euro di ISEE dovrebbe essere aumentato di 25 euro passando da 50 euro a 75 euro, mentre quello massimo dovrebbe attestarsi a 262,5 euro, con un aumento di 87,5 euro. Calcolando l’importo massimo per figlio quindi, che oggi risulta essere di  175€ al mese,  dovrebbe invce raggiungere i 190€. Anche la soglia per ricevere l’assegno più alto, oggi 15mila euro di reddito Isee, potrebbe alzarsi oltre i 1600.

Aumenti possibili anche e per le  famiglie numerose ossia quelle con 3 o più figli che potrebbero percepire un aumento del 50%, ma non è chiaro se sarà inserito anche in questo caso una forma di “soglia” come i 40 mila euro di cui sopra, già attivi attualmente. Quindi questo potrebbe risultare una forma di “paletto” che potrebbe portare una netta percentual a non percepire le maggiorazioni.

Si tratta comunque di speculazioni, ed anche il testo una volta pronto dovrà essere emendato ed ufficializzato entro la fine dl 2022.

assegno unico