Il Fisco blocca i controlli: ecco il motivo

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente comunicato i dettagli relativi ai controlli fiscali nei prossimi mesi dell’anno. Fino al 30 aprile 2021, data prevista secondo il DPCM vigente per la fine dello stato di emergenza causato dal SARS-COV-2, nelle aziende, per la precisione nelle sedi fisiche, non verranno concretizzati controlli fiscali.

Gli unici accertamenti e contraddittori verranno effettuati da remoto, sfruttando gli strumenti digitali che, in quest’ultimo anno, ci hanno cambiato la vita permettendoci di non fermare totalmente la macchina del Paese nei periodi peggiori della pandemia.

I motivi della scelta dell’Agenzia delle Entrate

Quando si parla della scelta dell’Agenzia delle Entrate di sospendere i controlli presso le sedi fisiche delle aziende, è necessario chiamare in causa un documento di 18 pagine contraddistinto dalla presenza di indicazioni dedicate agli uffici che si occupano ei controlli sopra citati.

Il motivo di questa scelta è legato alla situazione economica pesantissima che il Paese, a causa dell’emergenza sanitaria, sta attraversando da più di un anno. Per questo, il decisore politico ha dovuto gestire la situazione con lo scopo di trovare un equilibrio tra la sostenibilità delle realtà aziendale e le entrate dell’erario.

Come già detto, ci sono delle indicazioni specifiche da parte dell’Agenzia delle Entrate. Nonostante questo, non è da escludere una futura revisione delle specifiche appena ricordate.

Tra le certezze che per ora sono in primo piano rientra il fatto che la vita delle aziende è cambiata radicalmente grazie al lavoro agile: lo smartworking è diventato quotidianità e, come già specificato, la tecnologia ha aiutato moltissimo. Non solo: grazie ad essa, è stato possibile evitare code negli uffici pubblici in virtù delle prenotazione telematica.

Oggi come oggi, in un’Italia che sta progressivamente implementando i processi digitali nell’ambito amministrativo e fiscale, per tre mesi almeno le sedi aziendali non verranno interessate da controlli fiscali in loco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *